Rosario Rampanti testimonial della Fiera regionale del Tartufo e di san Martino

La Fiera Regionale del Tartufo e l’Antica Fiera di San Martino di Canelli, per la prima volta sotto l’egida di Patrimonio dell’Unesco, vanno a braccetto con lo sport. Sarà, infatti, Rosario Rampanti, gloria del Torino Calcio, il testimonial della carovana del “re” bianco d’Alba e d’Astesana che, domenica 9 novembre, farà tappa a Canelli. Tutto sotto l’egida del riconoscimento a Patrimonio dell’Umanità-Unesco conquistato dai Paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato nel giugno scorso a Doha (Qatar), con la visita alle “cattedrali sotterranee”, i templi secolari del vino di Casa Bosca, Casa Contratto, Casa Coppo e Casa Gancia, e le colline del Moscato “Canelli”.

Ex calciatore e allenatore di calcio, Rosario Rampanti è cresciuto nelle giovanili del Torino, ceduto al Pisa in prestito per un anno, per tornare subito alla base pronto per il debutto nella serie maggiore.

Per quattro stagioni divenne titolare della fascia destra, fin quando la società granata lo cedette nel 1974-1975 al Napoli. Sotto il Vesuvio disputò una stagione ottenendo il secondo posto, alle spalle della Juventus, sotto la guida di Luis Vinicio.

Nel 1975-1976 passa al Bologna, in cui milita per quattro stagioni, intervallate da una parentesi nel Brescia in serie B, categoria dove concluse la carriera militando nelle file della SPAL, dopo una brevissima parentesi in Australia.

In carriera ha totalizzato complessivamente 172 presenze e 11 reti in serie A e 148 presenze e 9 reti in serie B.

È stato commissario tecnico della Nazionale italiana Under 18 di calcio durante gli Europei del 1999, manifestazione in cui l’Italia fu sconfitta in finale dai pari età del Portogallo.

Dal 28 aprile 2010 è assessore allo sport e servizi demografici del comune di Moncalieri.

Il programma. Questo il programma della Fiera regionale del Tartufo e della Fiera di San Martino:

Sabato 8 novembre nel ricordo del ventennale dell’alluvione che, nella notte tra il 5 e 6 novembre del 1994, devastò la città, sono previsti cortei, ricordi dei volontari che operarono in città come i Vigili del Fuoco Volontari di Trento, l’inaugurazione della stele commemorativa e l’accensione dell’albero di Natale offerto dalla Circoscrizione del Bondone e dall’Azienda Forestale Trento Sopramonte, con mercatino tipico, consolidando così un legame tra Trentino e Canelli iniziato in quei giorni.

Domenica 9 novembre, dalle ore 8, nel centro storico cittadino, prende il via l’antica Fiera di San Martino, con oltre 100 bancarelle, mentre in corso Libertà e nell’area della stazione ferroviaria scatta la Fiera regionale del Tartufo con esposizione e vendita di tartufi e mercatino di prodotti enogastronomici del territorio.

Alle 10, nel salone Riccadonna, in collaborazione con l’Associazione Trifolao di Canelli, “Mostra concorso del tartufo bianco” con esposizione dei migliori pezzi di “trifola” raccolta nel territorio d’Astesana.

Premi a ‘Trifolao’, commercianti e ristoratori. Esibizione della banda musicale “Città di Canelli” diretta dal maestro Cristiano Tibaldi.

Dalle 11, “Tabui in passerella”, sfilata dei cani da cerca del tartufo accompagnati dai loro Trifolao.

Dalle 13, nei ristoranti del canellese pranzo a base di tartufi.

Nel centro cittadino, “Gastronomia, tartufi & volontariato” piatti tipici a cura delle associazioni di volontariato cittadine.

Dalle 14, nel salone Riccadonna, mostra e degustazione del Moscato d’Asti docg “Canelli” abbinato ai dolci delle pasticcerie canellesi, curato dall’Associazione Produttori Moscato di Canelli.

Dalle 14,30, l’Associazione Trifolao di Canelli organizza la “Simulazione di cerca al tartufo” nella tartufaia didattica di via dei Prati.

Per tutta la giornata nel centro cittadino: esposizione di manufatti e oggettistica varia, a cura dell’Associazione “Dal fuso in poi” e scuola primaria di Canelli, per il recupero delle tradizioni manuali.

Cattedrali sotterranee. Visita alle “cattedrali sotterranee”, le cantine storiche Patrimonio Unesco. Abbinata alla visite alle Cantine storiche Bosca, Contratto, Coppo e Gancia ci sarà la Giornata Europea dell’Enoturismo. Le “Cattedrali sotterranee” saranno visitabili secondo il seguente programma:

Casa Bosca, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,30, tel. 335 7996811:
Casa Contratto, dalle 10 alle 18,30, tel. 0141 823349
Casa Coppo, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,00; tel. 0141 823146
Casa Gancia, visite alle 10 – 11,30 e 13,00, il pomeriggio alle 15 e 17. Tel. 0141 830253 – 0141 830262
Info: Comune di Canelli, www.comune.canelli.at.it 0141 820231 – IAT 0141820280.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *