Letture

“Io c’ero”: i testimoni si raccontano il 12 settembre a Castagnole delle Lanze

Protagonisti una staffetta di nome Treccia e un garzone di bottega che aiutava i partigiani.

Domenica 12 settembre alle ore 18, l’ex chiesa della Confraternita dei Battuti Bianchi ospiterà la presentazione del libro “Io c’ero. Cinquantuno storie dal fascismo alla liberazione” proposta dal Comune e dalla Biblioteca.

Le autrici del volume, Laura Nosenzo e Loredana Dova, converseranno con Marco Violardo che modererà l’appuntamento.

Al centro dell’incontro anche la lettura dei racconti dei testimoni castagnolesi Teresa Ebrille (madre di Laura Nosenzo) e Giuseppe Dova (padre di Loredana Dova), presenti in sala: lei staffetta a 14 anni, senza neanche deciderlo, col nome di Treccia; lui, garzone di bottega, confezionava di nascosto gli stivali per i partigiani (ma poi gli toccò anche farne un paio per un ufficiale nazista). Le letture saranno a cura di Romana Saglietti e Mario Coppa.

L’incontro sarà introdotto dal saluto del sindaco Carlo Mancuso e di Paolo Lanfranco, presidente della Provincia che ha coeditato “Io c’ero” con l’editore Araba Fenice.

Ingresso libero, prenotazione obbligatoria al numero telefonico 331.2665666.

Durante la serata sarà possibile acquistare il libro (17 euro), alla cui promozione collabora l’Associazione Memoria Viva di Canelli.