Letture

Riprende col 2022 “Passpartout en hiver”

La Biblioteca Astense Giorgio Faletti inizia il 2022 con molte nuove iniziative, a partire dalla Bibliotenda, la nuova tensostruttura illuminata e riscaldata collocata nel cortile e pensata per ospitare i futuri eventi.

Il primo, pensato per i più piccoli, sarà venerdì 17 dicembre alle 18 con le “Letture per le Feste”, a cura dei volontari di Nati per leggere. Prenotazione obbligatoria su bibliobimbi@bibliotecastense.it

Sabato 18 dicembre, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, edizione speciale del Mercatino dei Libri, con tante idee regalo. Sarà presente anche la bancarella degli Acchiappalibri.

Il 2022 si aprirà con la nuova edizione di Passepartout En Hiver. Questo il calendario:

DOMENICA 16 GENNAIO Gianluca Ghiselli Un anno in Antartide

DOMENICA  23 GENNAIO Ernesto Perduca I Balcani tra passato che non passa ed avvenire che non arriva

DOMENICA 30 GENNAIO Stella Perrone La mia vita

DOMENICA 6 FEBBRAIO Roberto Gerbi Nel paese dei limoni

DOMENICA 13 FEBBRAIO Benedetta Saglietti La 5. Sinfonia di Beethoven recensita da E.T.A Hoffmann

DOMENICA  20 FEBBRAIO Domenico Quirico Afghanistan

DOMENICA 27 FEBBRAIO Pietro Giovannini Impossible LangheDOMENICA 6 MARZO Maura Maffei Quel che abisso tace DOMENICA 13 MARZO Carlo Pertusati 50 piccole storie di chiese divise in cerca di unitàDOMENICA 20 MARZO Laura Nosenzo Io c’ero.

Tutti gli incontri saranno alle 17.

Inoltre il fotografo Franco Rabino da marzo sarà protagonista della serie di sei appuntamenti/conferenze “Il pennello di luce: incontri, scontri e contaminazioni tra fotografia e storia dell’arte”, mentre la primavera vedrà il lancio del progetto “I Testimoni”: il Liceo Classico Vittorio Alfieri di Asti, parte dell’IIS Vittorio Alfieri, capofila della rete Digital Biblio Agorà (DBA) con la collaborazione della Biblioteca Astense Giorgio Faletti, parte della rete DBA, organizzerà una serie di incontri in presenza (perdurando l’attuale situazione pandemica; in caso contrario on line), destinanti agli studenti dell’Istituto e della Rete), ed aperti alla cittadinanza, con personalità che per la loro attività professionale e per il loro profilo umano e levatura culturale si devono considerare testimoni della storia di questo secolo e del Novecento, attenti interpreti capaci di fornire ut
ili chiavi di lettura che nella dimensione costruttiva del dialogo e del confronto dialettico offriranno importanti occasioni di riflessione su ampi ed importanti aspetti del secolo breve e dei primi venti anni del nuovo millennio. Tra questi Paolo Conte, Domenico Quirico, Gianluigi Nicola e Giacomo Battiato.

Maggiori dettagli saranno presto disponibili sul nuovo sito www.bibliotecastense.it

——-

Il nuovo libro di Bruno Penna

Il sogno può realizzarsi? Certo, il sogno è l’immagine in movimento di una passione, di un’inquietudine che scalpita, e se tu riesci a cavalcarla, dopo averla prima inseguita e poi agguantata, allora riesci a nutrirti di ogni tua giornata con pienezza e con gioia, superando gli ostacoli che il destino ha disposto lungo il tuo cammino.

Questo dice Bruno Penna, parlando del suo ultimo libro “lunavento – tredici passi fino a qui” appena uscito dalle stampe per l’editore Nerosubianco. Dopo le diverse pubblicazioni di poesia e di saggistica, stavolta l’autore affronta la narrativa del racconto, sviluppata in tredici capitoli che in qualche modo godono di una certa indipendenza, e in cui si entra sempre da una finestra in versi; pagine stese con il suo stile personale, conosciuto da chi segue i suoi scritti, e la storia raccontata è un invito a resistere e a combattere, ad annotare e inseguire le tracce dei sogni, a scoprire qual è la parte da recitare, la partitura per portare in scena la propria vita.

Penna è un sindaco, e anche direttore del consorzio di tutela delle grappe piemontesi, ma è soprattutto un giornalista, un comunicatore e anche un cantautore, e attraverso le sue diverse esperienze prova a raccontare che cosa significa attraversare una vita complicata in scia a un sogno che sta correndo sul proprio orizzonte. Il volume sarà presentato attraverso una serie di appuntamenti, a partire da quello di apertura previsto il 17 dicembre a Castiglione Tinella, ma è disponibile anche nelle librerie fisiche e on line.

L’autore destina tutti i suoi proventi della vendita del libro alla AIL sezione di Cuneo.

—————

“Il gigante della Bassa” di Franco Testore

La Biblioteca G. Monticone di Canelli organizza per domenica 5 dicembre 2021 la presentazione del nuovo romanzo di Franco Testore “Il gigante della Bassa”, pubblicato da Ibuc Edizioni. L’incontro con l’autore si terrà alle ore 17, nel salone della Cassa di Risparmio di Asti.

Già primario di oncologia, ora presente nel volontariato sociale, Franco Testore incomincia a raccontare le sue storie nel 2005; questo è il suo terzo romanzo che rispetta la cifra stilistica utilizzata nei precedenti: la scelta dell’autore di celarsi dietro uno pseudonimo con le sue stesse iniziali, che introduce il tema del racconto. Ne “Il gigante della Bassa”, a scrivere è FORTUNATO TUTTOBENE.

Il romanzo, ambientato nella campagna emiliana, offre uno spaccato della prima metà del ‘900 ed una riuscita ricostruzione del profilo di una società contadina al bivio tra le sue profonde radici ancorate nel lavoro della terra e la nuova esaltazione di uno Stato moderno. Una storia di gente semplice, che ha come protagonista la vita di Ermete, un mezzadro troppo loquace, con un temperamento da leader, antifascista nell’anima, amante della bicicletta e della sua Adalgisa, che si divide tra il campo da coltivare e il bar del paese.

L’autore presenterà il libro confrontandosi con le riflessioni e gli stimoli offerti dall’artista Giancarlo Ferraris, che ha curato la copertina del libro.

La voce di Paola Sperati darà vita alle pagine di rara profondità e delicatezza di questo bellissimo libro, che sa “di vita vera”.

L’ingresso è libero, previo controllo del green pass e utilizzo della mascherina.