La Riserva del Nonno Bosca a Sanremo

sanremoGrazie al Festival Collisioni, con cui ha da tempo uno stretto legame, che l’azienda canellese Bosca sbarcherà a Sanremo il 5 febbraio per una cena di gala al Casinò di Sanremo, con lo spumante metodo classico Riserva del Nonno Bosca. Un vero e proprio tour enogastronomico guidato da chef stellati che sapranno proporre piatti della tradizione abilmente abbinati anche agli impareggiabili spumanti dell’antica Casa Spumantiera Piemontese. 

La serata è patrocinata dalla Regione Liguria, dalla Regione Piemonte e dal Comune di Sanremo.

La Riserva del Nonno è interamente prodotta a mano seguendo le antiche tecniche del metodo classico nelle Cattedrali Sotterranee di Canelli, testimoni silenziose della storia dell’azienda da quasi 200 anni. È infatti dal 1831 che Bosca è coinvolta in questo scintillante mondo, ispirata sempre dalla tradizione anche per le sue avventure più innovative. Nelle Cantine Patrimonio dell’Umanità decine di migliaia di bottiglie di Riserva del Nonno riposano. 

Grazie alle sapienti mani di Cantinieri esperti vedono la luce solo dopo lunghi anni di affinamento sui lieviti. È questo il segreto meglio custodito in casa Bosca, ma condiviso con chiunque voglia far loro una visita. E lo spumante che così nasce viene offerto nelle grandi occasioni, quando l’eccellenza è al centro della scena. Come a Sanremo la settimana prossima.

Le Cattedrali Sotterranee dello Spumante, dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità non potevano mancare a quest’appuntamento che ricalca, negli intenti degli organizzatori, l’antico legame di complementarità tra le due Regioni, che grazie all’arcaica Via del Sale permetteva già in epoche passate di far arrivare al mare i più preziosi spumanti del Piemonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *