Accordo tra la Saclà e gli orticoltori associati a Coldiretti

sacla900 tonnellate sono gli ortaggi semilavorati che nell’anno 2015 l’importante azienda conserviera astigiana Saclà ritirerà dagli agricoltori delle province di Asti, Alessandria, Cuneo e Torino.

E’ stato sottoscritto, venerdì 24 aprile, il nuovo accordo di filiera per le produzioni orticole piemontesi, promosso da Coldiretti e la F.lli Saclà Spa. Anche quest’anno gli orticoltori associati a Coldiretti conferiranno alla prestigiosa industria conserviera astigiana almeno 9 mila quintali di ortaggi prodotti in Piemonte.

L'Accordo siglato nel 2011 fra Coldiretti il Cavaliere del Lavoro Lorenzo Ercole della SaclàL’accordo di fornitura, siglato con la sottoscrizione del contratto fra la F.lli Saclà e la cooperativa Orto Piemonte, è stato raggiunto in tempi brevi e con un’intesa ormai consolidata da un rapporto giunto al quarto anno consecutivo. “Non possiamo che essere molto soddisfatti – ha commentato il presidente Coldiretti Asti, Roberto Cabiale – per questa ulteriore conferma da parte della F.lli Saclà. I numeri dell’intesa sono considerevoli e si è ormai a regime rispetto agli impegni dell’accordo definito su base quinquennale. Sono praticamente invariate le referenze e alcuni prezzi sono stati ritoccati verso l’alto, nonostante il momento congiunturale sicuramente difficoltoso per tutti”.

Le forniture alla Saclà degli orticoltori Coldiretti delle province di Asti, Alessandria, Torino e Cuneo, prevedono carote, cavolfiori, cipolle rosse e bionde, peperoni, rape, scalogno e sedani bianchi e verdi.
Grazie alla capillare assistenza tecnica Coldiretti erogata alle imprese associate, che fornisce le massime garanzie qualitative dei prodotti, nei centri di lavorazione, presso la cooperativa agricola “Orto Piemonte”, saranno raccolti e semilavorati gli ortaggi per poi conferirli alla Saclà. Naturalmente ai produttori saranno garantiti prezzi adeguati e soprattutto la certezza della collocazione del prodotto senza particolari problemi.

Da parte sua anche la F.lli Saclà avrà le massime garanzie qualitative, la costanza delle forniture e, soprattutto, il forte valore aggiunto del territorio piemontese. “Siamo veramente soddisfatti – conferma il presidente della cooperativa associata a UeCoop “Orto Piemonte”, Renzo Allegretti – sia per i prezzi spuntati con l’azienda agroalimentare, sia per i notevoli quantitativi delle forniture. Significa anche che abbiamo lavorato bene durante le precedenti campagne, siamo riusciti a mettere a regime le coltivazioni e ad organizzare al meglio il sistema di lavorazione del prodotto”.

“Un ringraziamento particolare – sottolinea Roberto Cabiale – va all’amministratore delegato della F.lli Saclà Spa, il Cavaliere del Lavoro Lorenzo Ercole, e con lui a tutto il management dell’azienda, per il rinnovato impegno verso il territorio e il Made in Italy. Al contrario di quanto a volte accade in altre realtà, un’azienda che produce, come la F.lli Saclà, ha capito l’importante valore aggiunto offerto dal territorio e dai produttori locali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *