Giovanni Bosco: “Penalizzati i sorì”

BOSCO GIOVANNI presidente CTMIn merito all’accordo sul Moscato, interviene Giovanni Bosco, presidente C.T.M. Coordinamento Terre del Moscato di Santo Stefano Belbo (Cn), che evidenzia però la penalizzazione dei sorì:

«In quindici anni di attività il CTM non ha mai voluto mettere naso nelle trattative tra industriali e parte agricola per quanto riguarda la paritetica per stabilire le rese e i prezzi dell’uva Moscato. Crediamo che questi accordi debbano essere presi tra le parti in causa. Al termine delle trattative cerchiamo però di porci alcune domande.

Perchè quest’anno non si è voluto premiare i produttori di uva Moscato dei vigneti più difficili i cosiddetti Sorì?
Già nella commissione istituita dalla Regione Piemonte la parte industriale è sempre stata restia a riconoscere il sacrificio di questi contadini.

Quest’anno anche la parte agricola, formata per lo più da sindacalisti (i veri produttori erano pochini), non ha più voluto saperne. Ci dispiace innanzitutto per i produttori ma la nostra preoccupazione è anche per il territorio.

Tutti ormai riconoscono che il Moscato è nato in questi vigneti che, oltre a dare la qualità, sono delle opere d’arte per il turismo. La cosa più importante, a nostro avviso, è che molti stanno abbandonando questi vigneti vendendo i diritti per terre più abbordabili. Là dove c’erano vigneti che ci salvavano dalle frane ora ci sono dei gerbidi molto pericolosi.

Sappiano pertanto coloro che non hanno voluto questo piccolo contributo che in caso di disastri come sono avvenuti recentemente nella zona del Prosecco e prima ancora nelle Cinque Terre, la responsabilità morale per danni a cose e a persone cadrà inevitabilmente su loro.»

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *