Cavallero sulle ferrovie dismesse: la parola ai cittadini

CAVALLERO ENRICOEnrico Alessandro Cavallero, consigliere comunale del Comune di Costigliole, interviene a proposito delle linee ferroviarie soppresse: «Più volte in questi anni ho espresso la mia opinione sull’ importanza che riveste il sistema ferroviario nel nostro territorio. Un patrimonio economico enorme costituito da un complesso di elementi tecnologici e strutturali ancora utilizzabili ma abbandonati da tempo all’incedere dell’incuria e del degrado. Doveroso considerare la sua nuova utilità, motivata dai forti interessi turistici e da una crescente richiesta di mobilità da parte dei cittadini.

Da amministratore e da cittadino, ho ribadito più volte che, chi ha responsabilità politiche, prendesse in seria considerazione questa ipotesi e si attivasse su tutti i tavoli e con ogni mezzo per una soluzione che prevedesse il ripristino delle linee ferroviarie, soppresse o abbandonate, a cominciare dalla Cuneo -Asti Alessandria-Cavallermaggiore.

Di tempo se ne è perso parecchio, la querelle di questi giorni vede amministratori sostenere due ipotesi: chi vede favorevolmente la riapertura delle tratte soppresse e chi invece sopporta fortemente l’ipotesi di una nuova pista ciclabile, da disegnare proprio dove fino a poco tempo fa, passavano le tratte ferroviarie.

La soluzione non appare ne semplice ne immediata, per questi motivi sarebbe utile che ad esprimersi siano i cittadini, che sono poi i fruitori del servizio, quello offerto dal sistema ferroviario o quello delle future piste ciclabili . Si dia corso ad un sondaggio, dove ognuno si possa esprimere sulla validità delle due proposte.

L’obbiettivo è che si possa mettere la parola fine su una controversia che sta assumendo sempre più le proporzioni del ridicolo, mentre crescono di giorno in giorno le probabilità di lasciare le cose come stanno . Questa scelta segnerebbe l’effimera vittoria del partito del “non fare” e una ennesima sconfitta politica che penalizzerebbe oltremodo, il territorio e i suoi abitanti.»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *