L’impatto della grande guerra sugli animali e sull’ambiente

grande guerraCon il contributo del Fondo per l’associazionismo (ex legge 383/2000 – Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – linee di indirizzo 2013), è stato realizzato il progetto “In sella alla Storia, nuovi e vecchi impieghi di amici a quattro zampe”, che consiste in un incontro formativo rivolto alle scuole primarie e secondarie inferiori, curato dall’Associazione “Asini si nasce… e io lo nakkui”, che si svolgerà ad Asti, nel salone consiliare del Palazzo della Provincia, in piazza Alfieri 33, giovedì 21 maggio 2015, a partire dalle ore 9,30. Sarà trattato il tema della grande guerra dal punto di vista degli animali e dell’ambiente: cosa ha significato l’impatto devastante delle artiglierie sull’ambiente della montagna? Il disboscamento, la costruzione delle trincee hanno cambiato in modo definitivo i paesaggi di mezza Europa. Si parlerà anche dell’impiego degli animali, anch’essi vittime dimenticate della guerra.

Interverranno Nicoletta Fasano, ricercatrice ISRAT e Cesare Ivaldi (presidente Associazione “Asini si nasce … e io lo nakkui”) sul tema dell’impiego degli animali durante la guerra. A conclusione dell’incontro, gli allievi avranno la possibilità di vedere una coppia di asini equipaggiati come nel 1914, attrezzati per il loro lavoro (sotto i portici di Piazza Alfieri lato palazzo della Provincia).

La Provincia di Asti, in collaborazione con Prefettura, Comune di Asti, Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea in Provincia di Asti (ISRAT) e Ufficio Scolastico Territoriale, ha istituito, a novembre 2013, un tavolo di coordinamento delle iniziative promosse sul territorio per commemorare la Prima Guerra Mondiale (2014 – 2018). “Non si tratta – spiegano i promotori – di celebrazioni retoriche e fini a se stesse; la volontà è anzi quella di ricordare che l’articolo 11 della Costituzione italiana ribadisce con forza il ripudio della guerra”.

Per le prenotazioni, ci si può rivolgere a Provincia di Asti (tel. 0141 433255 – 433216) e-mail cultura@provincia.asti.it

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *