Presentazione del Consorzio di promozione, tutela e valorizzazione dello zafferano di Caraglio e della Valle Grana

Venerdì 27 marzo 2015, alle ore 21, nela Sala Riunioni del Comune di Caraglio (entrata cortile interno – lato Cinema Ferrini) avverrà la presentazione pubblica del Consorzio di promozione, tutela e valorizzazione del Sofran – zafferano di Caraglio e della Valle Grana.

Lo Zafferano, da notizie storiche, veniva coltivato nel Medioevo sulle colline del Marchesato di Saluzzo, territorio in cui, a quei tempi, era compreso anche Caraglio.

Tuttavia il dato più inconfutabile è la presenza, nell’elenco della “ Prima esposizione agraria-industriale-artistica della provincia di Cuneo” avvenuta nel 1870, di un produttore di Zafferano di Caraglio di nome Delpuy Antonio. Ciò a testimoniare una coltivazione già in essere allora.

Pare inoltre sia stato premiato per la qualità del prodotto.

Alcuni anni fa, il caragliese Mauro Rosso, reintroduceva sull’altura di S. Giovanni di Caraglio, tale prezioso fiore aromatico, ottenendo ottimi risultati qualitativi; stimolando, in tal modo, un marcato ed entusiastico interesse da parte di alcuni agri-cultori che ne hanno intrapreso la coltivazione.

Allo stato attuale lo Zafferano caragliese è prodotto, con antica manualità, da 8 realtà, non solo di Caraglio ma anche di Bernezzo e altri luoghi della Valle Grana, con medesimo successo.

E’ promosso con il nome Söfran in rispetto al capitano Ottavio Gallo, già sindaco di Caraglio nei primi anni del ‘900,perché così indicato, nella sua opera: “200 piante medicinali della Flora Pedemontana coll’aggiunta dei nomi in vernacolo piemontese”, edito nel 1917 e ripubblicato in versione anastatica nel 2008. Un nome caragliese, dato da un illustre caragliese per un ottimo prodotto caragliese e della sua valle.

Con deliberazione della Giunta regionale lo zafferano di Caraglio e Valle Grana è stato orgogliosamente riconosciuto P.A.T. – Prodotto Agrotradizionale del Piemonte ed è stato inserito, dopo attenta valutazione, nel settore Piante officinali del Piemonte.

Ecco alcuni estratti del Decreto:

Zafferano (Crocus sativus L.) … In questi ultimi anni sono state avviate alcune esperienze di coltivazione di zafferano sulla collina caragliese. Riprendendo una tradizione colturale che risale al medioevo sono stati effettuati alcuni impianti destinati sia all’autoconsumo che alla vendita su mercati locali.

… le prime esperienze di coltivazione risalgono al medioevo, nel territorio del marchesato di Saluzzo dove ricadevano i territori della Valle Grana e delle Valle Maira (Fedele Savio, Ferdinando Gabotto – Studi e documenti sul duomo di Saluzzo e altre chiese). La testimonianza più precisa è la premiazione – nell’ambito della “Prima esposizione agraria, industriale, artistica delle provincia di Cuneo” – del caragliese Delpuy Antonio per la coltivazione dello zafferano a Caraglio, nel 1870.

… Nel 2005 è ripresa la coltivazione dello zafferano nelle aree di fondovalle (per lo più Caraglio e Bernezzo).

Per informazioni: 345.93.33.591

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *