Cerca di fuggire su un’auto rubata trascinando per alcuni metri un maresciallo

I carabinieri della Compagnia di Asti hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione, Nabli Mourad, marocchino 34enne, pluripregiudicato, residente ad Asti.

Nel tardo pomeriggio di venerdì 5 dicembre, ad Asti, un maresciallo di Moncalvo ed un luogotenente del Comando Provinciale, mentre si trovavano, entrambi liberi dal servizio, a transitare in questa via Conte Verde, hanno notato lo straniero mentre stava avendo un animato alterco, subito dopo passato per le vie di fatto, con un addetto alla vigilanza degli attraversamenti pedonali in prossimità di una scuola.

Immediatamente intervenuti allo scopo di evitare il peggio e per identificare il marocchino, quest’ultimo, una volta compreso che i due uomini in borghese erano carabinieri, per sottrarsi al controllo, ha iniziato a spintonare con violenza i due militari, riuscendo ad avere la meglio e a salire a bordo di una Fiat Uno allo scopo di darsi alla fuga. A quel punto, il maresciallo, cercando di impedirne la fuga si è aggrappato alla giacca dell’uomo, rimanendo a metà busto all’interno dell’autovettura che nel frattempo si era messa in movimento. Lo straniero, per garantirsi la via di fuga, ha quindi trascinato per una trentina di metri il militare, cercando di farlo sbattere contro le autovetture che provenivano nel senso opposto di marcia ma a quel punto il maresciallo ha mollato la presa, e ruzzolando sull’asfalto ha cercato di evitare di essere investito dalle autovetture in transito.

L’immediata ricerca effettuata dai colleghi, nel frattempo giunti sul posto, ha permesso di intercettare l’autovettura in fuga, condotta dallo straniero che è stato bloccato ed arrestato. Dai successivi accertamenti, è stato appurato che la Fiat Uno utilizzata per la fuga, era stata rubata lo scorso 30 ottobre ad una signora di Bosco Marengo (Al). Il maresciallo ha riportato una contusione alla spalla destra, giudicata guaribile in sette giorni dai sanitari dell’Ospedale Civile di Asti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *