Beffato da una signora che ha finto di riconoscerlo

PISTONEE’ capitato il 24 febbraio scorso, durante il mercato settimanale del martedì, a Canelli, verso le ore 10, sotto i portici di piazza Zoppa.

«E’ bene si sappia cosa mi è successo. Che possa servire a mettere in guardia anche gli altri miei concittadini». Racconta, Gian Maria Pistone che preferisce sdrammatizzare la beffa subita, ridendo per primo della propria sprovvedutezza. Mentre passava sotto i portici di piazza Zoppa, è stato avvicinato da una signora, sui 40-45 anni, berretto a tubo, che, in perfetto italiano, lo salutava con slancio: “Ciao, ma allora sei tu! Non ti ricordi di me?…”. Alcune battute sullo stesso tono e lo abbraccia, invitandolo a prendere insieme un caffè. Pistone, pur non tirandosi indietro, rifiuta l’approccio, adducendo a motivo i suoi affari, la saluta subito dop oma, prima di far ritorno a casa, passa anche dal parrucchiere. Si accorge allora, frugando nella tasca destra del giubbotto, di non avere più con sé le chiavi di casa.

Una volta rientrato, in qualche modo, a casa, ha la triste sorpresa di trovare tutto sotto sopra, forse ad opera di complici della donna: «Materassi buttati contro le pareti, lettiere rotte, cassetti tutti rigirati, i quadri per terra. Mi hanno portato via la “24 ore” con un po’ di contanti e, chi sa perché, un pendolo da 25 chilogrammi (70×50) di nessun valore!»

La chiacchierata con l’amico Gian Maria si conclude con un “Sono stati veramente abili! Ma non serve arrabbiarsi! Ha ragione mia figlia! Faremo le pulizie primaverili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *