‘Réclame’ mostra sulla pubblicità dei manifesti delle cantine storiche canellesi

bosca-1904-dudovichInizierà sabato 23 settembre, in occasione della manifestazione “Canelli città del vino”, la mostra “Rèclame – la pubblicità nei manifesti delle cantine canellesi dal 1895 al 1930”. La mostra racconta la storia l’evoluzione della pubblicità murale attraverso i manifesti delle quattro cantine dichiarate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nell’ambito del 50° sito italiano.

gancia-vermouth-biancoNelle cantine Bosca, Contratto e Coppo sarà possibile visitare la mostra relativa ai propri manifesti nell’ambito del normale tour di visita. I manifesti della ditta Gancia, per motivi organizzativi, sono esposti all’Enoteca Regionale di Canelli in via G.B. Giuliani.

La mostra è composta di numerosi pannelli che raccontano la storia dell’azienda, le note biografiche degli artisti che hanno realizzato le opere, la riproduzione in grande formato del manifesto e il suo commento e la critica. Alcune aziende esporranno per l’occasione anche alcuni manifesti originali.

La mostra mette in risalto anche alcuni primati e singolarità, per la ditta Bosca, ad esempio, il più noto e celebrato cartellonista italiano, Marcello Dudovich, ha realizzato il suo unico manifesto del settore Vini e Spumanti; la Contratto, che espone uno suoi dei primi pezzi in cui è raffigurata una parte di Canelli e lo stabilimento prima della ristrutturazione.

La ditta Coppo possiede una scultura di ottima fattura rappresentante un puttino intento a tappare con le mani una bottiglia di spumante, questa scultura la tradizione familiare la attribuisce a Manzù giovane e se la cosa fosse confermata sarebbe forse l’unica opera giovanile esistente del grande scultore. Questa scultura fu l’ispiratrice dei vari manifesti realizzati da Aldo Mazza per la ditta Coppo.

La ditta Gancia espone uno dei primissimi, se non il primo, manifesto del vino italiano, del 1895, opera del pittore Alberto Rossi.

La mostra è stata voluta dal Club per l’Unesco di Canelli (presidente Simona Chiarlo Depaoli) e curata dai soci Gian Carlo Ferraris, (artista e grafico pubblicitario nonché collezionista ed esperto della storia della pubblicità del vino), e Pier Sergio Bobbio (conoscitore degli archivi municipali ed aziendali e della storia delle attività economiche canellesi), con l’intento di valorizzare l’enorme patrimonio artistico detenuto dalle cantine storiche che hanno, di fatto, determinato la nascita della pubblicità legata a questo settore.

La pubblicità, la reclame (in piemontese) o réclame (italiano o francese).
Con gli ultimi anni dell’800, con la nuova necessità di allargare il numero dei consumatori, compare un nuovo strumento di propaganda: il manifesto murale illustrato.

Negli stessi anni le cantine canellesi iniziarono a esportare il loro prodotto nel mondo. La situazione-immagine per lo spumante è facile: la festa e le sue mille occasioni, le merende in vigna, dalle prime teatrali fino alle più trasgressive cene intime.

Gli autori fanno a gara nella ricerca dell’intuizione particolare per la presentazione del prodotto.
La Reclame dello spumante canellese si inserisce a pieno titolo in quella prima epopea pubblicitaria, con le firme dei più famosi artisti dell’epoca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *