Asti-Cuneo, il tratto Roddi-Verduno pronto entro il 2022

«Ciò che siamo riusciti a fare, e di cui siamo felici, è una decisa accelerazione del cronoprogramma, che abbiamo voluto condividere oggi con i Sindaci e gli amministratori del territorio. La società Autostrada Asti-Cuneo ha infatti confermato che i lavori stanno procedendo in modo spedito e che il lotto Roddi-Verduno 2.6b si concluderà entro la fine del 2022, un anno prima rispetto al cronoprogramma, mentre il lotto Verduno – Cherasco 2.6a potrà vedere dimezzati i tempi del cantiere». Così il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, che, insieme all’assessore regionale ai Trasporti e alle Infrastrutture Marco Gabusi e alla società appaltatrice, ha incontrato i Sindaci del territorio interessato dai lavori per il completamento della A33.

«Sarà finalmente più agevole raggiungere l’ospedale di Verduno– sottolineano il presidente Cirio e l’assessore Gabusi – e per farlo non sarà necessario pagare alcun pedaggio. La Regione Piemonte, inoltre, si è impegnata al massimo per approvare rapidamente le valutazioni di impatto ambientale sul lotto 2.6a, a cui è stato dato il via libera della Giunta in meno di due mesi. È fondamentale adesso che anche da Roma venga garantita altrettanta rapidità per un’opera strategica che il territorio». 

Durante l’incontro sono state confermate le indicazioni dei giorni scorsi da parte di Autostrada Asti-Cuneo, che si dichiara pronta a comprimere nettamente i tempi di realizzazione. Anticipata dunque di un anno la data di fine lavori per il lotto 2.6, che comprende il tratto tra Cantina Roddi e Verduno con un tracciato in parte autostradale ed in parte con caratteristiche di strada a scorrimento veloce a 2 corsie per ogni senso di marcia e senza alcuna intersezione a raso, i cui lavori sono iniziati la scorsa estate.

Inoltre, la società ha dichiarato il proprio impegno di chiusura anticipata dei lavori anche il lotto 2.6a, che riguarda il tratto tra Verduno e Cherasco ed è in attesa delle autorizzazioni localizzative e della Valutazione di Impatto Ambientale da Roma per il nuovo progetto all’esterno, in sostituzione del tunnel del precedente progetto. Una volta ricevute le autorizzazioni la società appaltatrice si impegna a dimezzare i tempi contrattuali di realizzazione originariamente fissati in 30 mesi.

La prossima settimana è inoltre previsto un incontro con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti della Giovannini «al quale ribadiremo l’importanza di procedere rapidamente con le approvazioni ministeriali – ha evidenziato l’assessore Gabusi. – Il risultato di oggi è stato raggiunto certamente grazie al lavoro di coloro che operano in cantiere ed è importante ricordare anche che dietro c’è una forte spinta nata dal Comitato di Supporto – che deve il nome al presidente della società Autostrada Asti-Cuneo Giovanni Quaglia oggi presente – composto dai Presidenti delle Province di Asti e Cuneo, dai Sindaci e dalla Regione Piemonte. Stiamo viaggiando tutti nella stessa direzione con incontri tutti i mesi da oltre un anno e gli esiti positivi sono sotto gli occhi di tutti».

Sul tema del pagamento dei pedaggi autostradali «sgomberato il campo dal dubbio della gratuità del pedaggio per raggiungere l’ospedale di Verduno – ha precisato il presidente Cirio -, dobbiamo ora concertarci su un punto da risolvere che riguarda il casello di Castagnito. Riteniamo che gli albesi che utilizzano questo tratto non debbano pagare nulla: dobbiamo ora lavorare tutti insieme per reperire le risorse per mantenere in equilibrio finanziamento l’opera mantenendo la gratuità della tangenziale sul tratto albese».

«Il territorio si aspetta anche le opere complementari – ha ricordato il sindaco di Alba Carlo Bo -. Non se ne parla più, ma è giusto che ci siano poiché sono fondamentali per tutto il territorio. Nello specifico Alba ha dato molto di più di quello che ha ricevuto: infatti il tratto 2.5 non sarà realizzato e si utilizzerà la nostra tangenziale che verrà adeguata in tempi speriamo brevi. Sarebbe paradossale dover pagare anche la tangenziale. Riteniamo di essere a credito perché oltre ad aver atteso per oltre 30 anni questa opera la città di Alba non può pensare di essere anche beffata».

«Siamo particolarmente orgogliosi di annunciare l’obiettivo di completare con dodici mesi di anticipo il primo lotto 26.B dell’Asti Cuneo e di dimezzare di fatto i tempi realizzativi del nuovo lotto 26A una volta ottenute le autorizzazioni previste – ha dichiarato l’amministratore delegato di Autostrada Asti-Cuneo Bernardo Magrì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.