Al Teatro Alfieri di Asti, la commedia “Minetti” di Thomas Bernhard

Domenica 12 febbraio alle 21, al Teatro Alfieri di Asti, un importante appuntamento della stagione di prosa: Eros Pagni, con la regia di Marco Sciaccaluga, porta in scena la commedia “Minetti” di Thomas Bernhard. Con lui sul palco Federica Granata, Marco Avogadro, Nicolò Giacalone, Giovanni Annaloro, Mario Cangiano, Marco De Gaudio, Roxana Doran, Daniela Duchi, Michele Maccaroni, Daniele Madeddu, Sarah Paone, Francesco Russo ed Emanuele Vito.

Scritta nel 1976, “Minetti” è una commedia costruita intorno a un interrogativo: quale ruolo ha l’arte, e in particolare il teatro, nella società odierna? Alla ricerca di una risposta, l’austriaco Thomas Bernhard (1931-1989) intreccia il comico e il tragico, la realtà con la sua trasfigurazione poetica; descrive, con rabbia e con passione, un mondo grottesco e assediato da una metaforica tempesta di neve.

Nella notte di San Silvestro (maschere, luci, petardi, musica, ecc.), il vecchio Minetti indugia nella hall di un albergo di Ostenda. Attende un direttore di teatro che vuole riportarlo sulla scena nel ruolo di Re Lear. Nell’attesa parla di sé e della propria arte. Evoca frammenti della sua vita (reale o immaginaria?), rivolgendosi al personale dell’hotel, a una signora e a una ragazza.

Minetti è un grande attore del passato, ma anche un grande personaggio moderno, affidato ora all’interpretazione di Eros Pagni, per la regia di Marco Sciaccaluga:testimonianza vivente dell’attualità tematica e linguistica di un grande drammaturgo, Thomas Bernhard, che continua a indicare al pubblico una possibile via verso il futuro.

Lo spettacolo, precedentemente previsto per il 10 febbraio, si terrà domenica 12 febbraio per motivi tecnici indipendenti dalla volontà della direzione del teatro. I biglietti già acquistati restano validi per la nuova data. Chi volesse prenotare i posti (20 euro platea, barcacce e palchi, 15 euro loggione) può chiamare lo 0141.399057-399040 dal martedì al venerdì dalle 10 alle 17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *