Inizia la stagione 2022 del Teatro Sociale di Nizza Monferrato

Inizia martedì 25 gennaio la stagione del Teatro Sociale di Nizza Monferrato.

Riparte con energia e con proposte importanti la stagione comunale di prosa del Teatro Sociale di Nizza Monferrato grazie all’impegno profuso dal Comune di Nizza Monferrato e dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, ente strumentale della Regione Piemonte e in collaborazione con Arte e Tecnica, per offrire ai cittadini da gennaio ad aprile cinque spettacoli in abbonamento, abbracciando testi classici e contemporanei e portando in scena drammaturghi e attori di richiamo nazionale.

La stagione parte martedì 25 gennaio con Oblivion Rapsody per una serata di musica e risate in una inedita versione acustica dell’opera omnia degli Oblivion che distruggono e reinventano le loro hit dopo aver sconvolto senza pietà quelle degli altri. 

Marina Massironi e Giovanni Franzoni sono i protagonisti martedì 15 febbraio di Le verità di Bakersfield che descrive l’incontro tra due vicende umane lontanissime in un’America percorsa da forti divari sociali; la protagonista è Maude, una cinquantenne disoccupata che vive in una caotica roulotte e che acquista da un rigattiere per pochi dollari un possibile tesoro: un presunto quadro di Jackson Pollock.

Si prosegue mercoledì 9 marzo con Alle 5 da me: commedia esilarante che racconta dei disastrosi incontri sentimentali di un uomo in cerca di stabilità affettiva e di una donna alla ricerca spasmodica di un essere di sesso opposto che la possa rendere madre. Protagonisti Gaia De Laurentiis che interpreta cinque donne che corteggiano un uomo ed Ugo Dighero che dà voce e volto a cinque uomini che corteggiano una donna. Giovedì 31 marzo va in scena uno dei primi testi di Eduardo De Filippo, Ditegli sempre di sì: Carolina Rosi e Gianfelice Imparato, magistralmente diretti da Roberto Andò, riportano in teatro le vicende di Michele Murri che torna a casa dopo un anno trascorso in manicomio, ben lontano ancora dalla guarigione; un’opera vivace e colorata, una commedia divertente che, pur conservando le sue note farsesche, suggerisce serie riflessioni sul labile confine tra salute e malattia mentale.

La stagione si conclude mercoledì 6 aprile con Sorpresa, una pièce che si addentra nelle vicissitudini di una coppia sull’orlo del divorzio. In questo adattamento dal ritmo incalzante, a colpi bassi, menzogne e sarcasmi dal sapore amaro si alterneranno per il pubblico dialoghi in grado di strappare risate incessanti.

«Ritorniamo a teatro, forse spaventati, forse ancora timorosi, ma pienamente consapevoli che ci è mancato. Ci sono mancati la sua magia, le sue narrazioni, il percepirsi in sintonia coi protagonisti pensando: “già, è proprio così!”, il ridere di noi stessi, apertamente, alleggerendo il cuore e la testa.  Ritorniamo a teatro nel suo silenzio, nella sua oscurità che culla e avvolge; sgraniamo le vicende in un ventaglio di emozioni, tra gli applausi che ci fanno sentire, pur distanti, vicini e compartecipi al gioco della vita» dichiara l’Assessore Ausilia Quaglia.

«A distanza di più di un anno dalla prima chiusura degli spazi della cultura, siamo consapevoli di quanto assenza, incertezza, malattia, transitorietà, fragilità continuino a fare parte della realtà con cui ognuno è chiamato quotidianamente a confrontarsi.  È per cercare di superare insieme le ferite del recente passato che Piemonte dal Vivo ha dedicato i suoi sforzi a costruire insieme al Comune di Nizza Monferrato una stagione di alto profilo per il Teatro Sociale. Il Teatro, nella sua natura originaria e nella sua vocazione ad essere rito collettivo, non ha mai smesso di interrogarsi sul senso dell’essere al mondo, sull’opportunità della vita anziché la morte: il Teatro è lo strumento a cui l’umanità che affaccia sul Mediterraneo ricorre da ventisei secoli per leggere e capire se stessa, e tocca ora a noi continuare a farlo insieme, per superare le 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.