Qualifica professionale per portatori di ‘limitazioni’, all’Alberghiera di Agliano

L’agenzia di formazione professionale AFP Colline Astigiane ha avviato, nel mese di ottobre 2017 un progetto internazionale denominato Pacetraining, finanziato nell’ambito del programma Erasmus+, settore partenariati strategici e volto alla costruzione di un percorso di qualifica professionale per soggetti con bisogni specifici dell’apprendimento.Il progetto coinvolge 5 centri di formazione professionale e organismi non governativi distribuiti in Germania, Finlandia, Italia, Lettonia e Spagna, impegnati nella realizzazione di 4 prodotti formativi e comunicativi:

  • Design completo e somministrazione di un percorso di qualifica professionale nel settore turistico alberghiero per giovani portatori di limitazioni dell’apprendimento anche di tipo genetico.
  • Design completo e somministrazione di un percorso di formazione rivolto ai formatori operanti con giovani portatori delle suddette limitazioni.
  • Design e somministrazione di una strategia di comunicazione rivolta ai datori di lavoro per veicolare messaggi chiave relativi ai benefit diretti ed indiretti dell’ingaggio di soggetti portatori di limitazioni dell’apprendimento
  • Identificazione delle professioni suscettibili di replicate il modello pacetraining su scala europea: nei cinque Paesi coinvolti ed oltre.

Il progetto vedrà coinvolti i partner progettuali, guidati dall’AFP Colline Astigiane per un periodo di tre anni e unitamente agli organismi direttamente coinvolti conterà sull’appoggio delle associazioni locali, nazionali ed internazionali volte alla tutela dei soggetti ‘targettizzati’ dal progetto, delle autorità locali competenti, in materia di formazione professionale e le aziende del settore.

L’obiettivo finale e di lungo termine del progetto sarà pertanto la costruzione di un ambiente favorevole per l’integrazione di giovani portatori di limitazioni, anche genetiche, dell’apprendimento nei percorsi formativi e per la loro successiva collocazione in un ambiente di lavoro consapevole ed aperto all’integrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *