Il ricercatore canellese Andrea Rivera presenta al Parlamento inglese il suo lavoro

Il canellese Andrea Rivera, ricercatore all’Università di Portsmouth (Londra), è stato invitato al Parlamento Inglese, lunedì 12 marzo 2018, per la seconda volta per parlare del lavoro che svolge.
Ex enologo, divenuto neuroscienziato dell’Università di Portsmouth ha presentato la sua ricerca presso le Houses of Parliament, nell’ambito della British Science Week.
Andrea Rivera, 34 anni, lavora sulla materia bianca, lo strato sotto la materia grigia del nostro cervello, che è pensato per contenere le risposte sul perché alcune persone sviluppano la demenza mentre invecchiano.

La sua ricerca è finanziata dal BBSRC mira a comprendere meglio l’effetto dell’invecchiamento sulla materia bianca.

Andrea ha descritto la sua ricerca: “Tutti hanno sentito parlare di materia grigia, la parte del nostro cervello che è la sede della nostra intelligenza e umanità. Le persone hanno meno familiarità con la sostanza bianca, che contiene i “cavi elettrici” – chiamati assoni – che collegano tutte le diverse parti del cervello. Ciò che rende bianca la sostanza bianca è l’isolamento intorno agli ‘assoni’ – una sostanza grassa chiamata mielina, che consente una segnalazione ultraveloce e rende il nostro cervello un supercomputer.

“Gli studi di imaging hanno dimostrato che la materia bianca è persa e il nostro cervello si restringe con l’avanzare dell’età. Questa perdita fa parte del normale invecchiamento, ma è accelerata nelle malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e la demenza.
“La mielina è costituita da speciali cellule ‘gliali’ nel cervello chiamate oligodendrociti, che vengono sostituite nel corso della vita da una cellula staminale cerebrale specializzata chiamata progenitore oligodendrocita. Utilizzando tecniche genetiche e analisi computerizzata, abbiamo identificato la perdita di queste cellule staminali nel cervello che invecchia.

Senza progenitori, i nuovi oligodendrociti e la mielina si perdono nel cervello che invecchia.
“Ora, abbiamo scoperto che uno speciale segnale cellulare chiamato Wnt/GSK3b controlla positivamente la formazione di mielina e che l’interruzione di questo segnale è uno dei motivi per cui la materia bianca si perde nel cervello che invecchia.

Per portare avanti questo lavoro, abbiamo creato una nuova start-up attraverso la quale miriamo a testare alcune delle nostre nuove scoperte per ringiovanire la formazione della sostanza bianca e portare potenziali nuovi trattamenti alle cliniche per promuovere l’invecchiamento cerebrale sano”.
L’invito a presentare la sua ricerca proveniva da STEM per la Gran Bretagna, un programma annuale per incoraggiare, sostenere e promuovere scienziati, ingegneri, tecnologi e matematici della ricerca.

L’evento di quest’anno è sponsorizzato dal deputato Stephen Metcalfe, presidente dello STEM per la Gran Bretagna che organizza il gruppo del comitato parlamentare e scientifico.

Andrea si è formato in Italia come enologo, ma ha abbandonato quella carriera per seguire la sua passione per la biologia.

Si è trasferito all’Università di Portsmouth per completare la sua laurea in Biologia e ha incontrato il professor Arthur Butt, un esperto mondiale nello studio di cellule ‘gliali’ (che assieme ai neuroni costituiscono il sistema nervoso), le “cellule di supporto” del cervello Ora lavora come ricercatore nel laboratorio del Professor Butt nella Scuola di Farmacia e Scienze Biomediche.

Andrea ha dichiarato: “Sono davvero onorato di essere stato scelto per presentare la mia ricerca in un luogo così importante. Sarà una grande opportunità per incontrare persone di talento e vedere alcune delle eccellenti ricerche prodotte nel Regno Unito.
“Sarà molto eccitante apprendere come i parlamentari e il Parlamento si occupano della scienza e della competizione per le medaglie prestigiose. La radice per la Gran Bretagna rappresenta una grande opportunità per mettere ricercatori e politici a creare nuovi legami e modificare positivamente il nostro futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *