Addio al tipografo canellese Beppe Aimasso

Dopo una vita di lavoro ed impegno civile, venerdì 13 maggio, si è spento all’età di 82 anni, all’ospedale di Nizza Monferrato, dove era ricoverato per una grave malattia “il Tipografo Giuseppe Aimasso, “Beppe” come era conosciuto in città.

Vedovo da alcuni anni, lascia la figlia Eleonora con il marito Mauro Visconti, Alessandra con il Marito Danilo Morando.

La notizia, diffusa in tarda serata, ha destato vasto cordoglio, come provano i sette manifesti di condoglianze.

Originario di Borgomale era arrivato a Canelli subito dopo la guerra per aprire la sua attività di tipografo “nella storica tipografia Commerciale”.

La sua era una tipografia “speciale”, punto di riferimento per molti imprenditori, dove si parlava di politica, nazionale e soprattutto locale, oltre che di chiesa e volontariato.

Da giovane era entrato nella Democrazia Cristiana restando per tanti anni segretario della locale sezione e diventando consigliere comunale ed assessore a Canelli.
Tante le energie spese nel mondo del volontariato: dall’Acli canellese, agli Alpini, dai Donatori di Sangue Fidas dove aveva raggiunto la medaglia d’oro per il merito trasfusionale, alla Croce Rossa, al canto (è stato ed era un appassionato componente della Corale Polifonica di San Tommaso), al Serra Club della Diocesi di Acqui.

Personaggio molto conosciuto in città, era sempre presente nelle varie celebrazioni che si svolgevano e da tanti chiamato anche “il cerimoniere” per la sua esperienza nel gestire autorità, bandiere ed interventi nei vari eventi.

L’ultima sua apparizione pubblica per la commemorazione del 25 aprile a Canelli. Con lui si assottiglia la “memoria storica” cittadina ed in modo particolare quella della “vecchia Balena DC”.

Fin da giovane, notevole la sua presenza nelle file della Democrazia Cristiana di cui è stato segretario di sezione per molti anni, consigliere ed assessore comunale.

E’ nel mondo del volontariato dove, però, ha profuso il meglio del suo impegno: militante nella resistenza albese, impegnato nel Club Acli, nel Gruppo Alpini (fino all’ultimo aveva collaborato all’Adunata che si è iniziata nel giorno della sua ‘avanzata’), nella corale san Tommaso, nel Serra Club diocesano, nella Pro Loco Villanuova.

Nel ricordo degli amici.

Luigi Sacco: “Per Canelli ha fatto tanto. Sempre aperto al dialogo, disponibile a collaborare con tutti nel volontariato”

Per Fausto Fogliati: “Divisi in politica, amici in tante altre iniziative. Era un libero pensatore”.

I funerali si svolgeranno lunedì 16 maggio, alle ore 14.45, nella parrocchia San Tommaso, alla presenza di labari e bandiere delle varie associazioni a cui dedicò molte ore della sua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *