Contestati a due prostitute ricavi non dichiarati per duecentomila euro

Le Fiamme Gialle di Cuneo hanno recentemente concluso verifiche fiscali nei confronti di due prostitute straniere, residenti nella Granda. Secondo un orientamento ormai consolidato della Corte di Giustizia UE, la prostituzione, se autonoma ed abituale, equivale ad altre attività economiche e “costituisce una prestazione di servizi retribuita”. Di conseguenza le Commissioni Tributarie italiane e la Corte di Cassazione, concordano nel qualificare a tutti gli effetti come “reddito” il compenso derivante dal meretricio.

Le Fiamme Gialle hanno agito sulla base di alcune risultanze finanziarie “sospette” segnalate dagli Organi centrali e dalla Banca d’Italia; per questa ragione le due interessate, prive di una stabile occupazione, sono state convocate ed invitate a rendere conto della provenienza delle cospicue somme di denaro a loro imputabili nel recente passato.

I verificatori si sono anche avvalsi dei controlli e delle identificazioni svolte, nel corso degli anni, da altre Forze di Polizia.

L’insieme degli elementi raccolti, in assenza di altre giustificazioni plausibili fornite da parte delle due donne, ha permesso di imputare le anomali disponibilità di denaro all’attività di prostituzione.

Gli accertamenti hanno avuto riguardo all’ultimo quadriennio ed hanno tenuto conto del tenore di vita, delle disponibilità bancarie e postali nonché delle possidenze immobiliari delle due controllate: entrambe le donne risultavano infatti aver acquistato immobili in provincia.

All’esito delle verifiche sono stati complessivamente contestati ricavi non dichiarati per oltre 200.000 euro ed Iva dovuta per circa € 30.000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *