“Adotta un coppo” con Zoltan Kodaly, sabato 7 aprile, a Nizza Monferrato

L’associazione musicale Zoltan Kodaly sostiene con la musica la campagna di raccolta fondi “Adotta un Coppo” promossa dalle Parrocchie di Nizza Monferrato, con il patrocinio della Città e la collaborazione dell’assessorato alla cultura.

Un progetto sia culturale che sociale dell’associazione che da anni propone di favorire e incoraggiare la diffusione e la pratica della musica sia vocale che strumentale e sottolinea l’intento di attuare sinergie tra le istituzioni legate al territorio sostenendo una collaborazione attiva e produttiva in particolare con le Parrocchie di Nizza.

Prossimo appuntamento sabato 7 aprile 2018 ore 18,00 nel Foro Boario verrà presentato: ABAP “Con la testa tra le nuvole”, musiche e canzoni di Angelo Branduardi, concerto con orchestra.

L’ingresso libero con la possibilità di partecipare all’iniziativa “Adotta un coppo”, restauro e risanamento conservativo delle coperture (5 euro per ogni coppo).
Info: email azkcorsidimusica@libero.it, pagina FB Associazione Musicale Zoltan Kodaly.

Programma:Vanità di vanità, Colori, Donna ti voglio cantare, Il poeta di corte, Il sultano di Babilonia, La canzone del rimpianto, La favola degli aironi, La luna, La pulce d’acqua, La raccolta, State buoni se potete, Il tema di Leonetta, Cogli la prima mela, Alla fiera dell’Est.

ABacousticProject
E’ un viaggio lungo e fantastico, nel tempo, nello spazio.
E’ un viaggio iniziato alla corte del sultano di Babilonia, un salto nelle paludi di Venezia e poi via alla fiera di Scarborough…
Una visita alle terre d’Occitania nella stagione più bella e molti ricordi dell’Irlanda, di Innisfree, L’isola sul lago, di Dooney con il suo violinista e di Coole con i suoi cigni… una tappa nella terra di Bretagna e la lunga marcia verso Santiago, In compagnia dei santi di tutti i villaggi incontrati… Una sosta alla corte del signore di Baux, in tempo per vedere l’esibizione del poeta di corte e La danza macabra in fa diesis minore…. e poi Le paure di Gulliver, La notte illuminata dalla luna, I suoni del mare e gli innumerevoli animali incontrati nel cammino… e poi Leonetta, Layla, Giovanna D’Arco, L’apprendista stregone e Il giocatore di biliardo…. Passo dopo passo, Fino ai confini dell’ansia… e, Alla fine di questo viaggio, iniziato all’entrada del temps clar, Ecco l’autunno di Loibere Risen, delle foglie che cadono e l’invito a cogliere l’attimo che fugge… E a pensare che potrebbe essere sempre primavera … E musica, tanta musica per tutti quanti… se solo lo volessimo.

E così, durante questo lungo pellegrinaggio musicale, ci siamo trovati e ritrovati: ed ecco la violinista che ha lasciato il violino nel cassetto troppo a lungo suonare e condividere la musica con quella che terrebbe con sé il violino anche quando dorme; il flauto della banda che passa o che dovrà passare; i suonatori di violoncello, seri ed impassibili, come colonne d’Ercole a difesa della musica; l’arpa, con le sue scale che salgono oltre le nuvole; il suonatore di chitarre, che nuota in superficie tra le note e nel profondo tra le accordature; l’altro suonatore di chitarre e strumenti strani, che nuota tra tante idee e poche dita; il signore del tempo, che percorre il mondo in sella alle sue percussioni; e infine lui, guitto e istrione quanto basta per cantare e far cantare la gente… tutti con il desiderio di suonare insieme, di far sì che ogni concerto sia una festa alla quale partecipare…. e intanto il tempo scorre più leggero.
Sergio Pesce (c) 2013

ABAP è un gruppo musicale nato nel 2007 fa con l’idea di riarrangiare in chiave acustica i brani di Angelo Branduardi.

Ogni musicista ha messo a disposizione la propria esperienza musicale nella realizzazione di questo progetto: i brani, pur conservando la loro linea melodica, sono stati riarrangiati per diverse formazioni e rivisitati, colorati di influenze classiche, irlandesi, bretoni e medio-orientali, reminiscenze musicali progressive, melodie originali.

La formazione ha conservato il nucleo originale di musicisti, al quale se ne sono aggiunti altri lungo la strada…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *