Alessandro Durando vicepresidente regionale Cia

Alessandro Durando, giovane agricoltore di Portacomaro, 34 anni, è stato eletto  vicepresidente regionale della Cia insieme al neopresidente Gabriele Carenini, quarantenne orticoltore di Valmacca (Al).

Linea verde alla Cia regionale del Piemonte. L’Assemblea elettiva riunita nella mattinata di venerdì scorso a Torino ha infatti eletto alla presidenza il quarantenne Gabriele Carenini, orticoltore di Valmacca, in provincia di Alessandria, e alla vicepresidenza il trentaquattrenne Alessandro Durando di Portacomaro, appena confermato presidente provinciale della Cia di Asti.

Un aspetto, quello della giovane età dei due dirigenti, che è stata sottolineata con grande soddisfazione sia dal presidente nazionale Cia, Dino Scanavino, sia dai numerosi ospiti presenti all’assemblea tra cui il vice ministro Andrea Olivero e l’assessore regionale all’agricoltura Giorgio Ferrero.

Nel programma del prossimo quadriennio di Gabriele Carenini, che subentra a Lodovico Actis Perinetto, uno speciale impegno per migliorare ulteriormente i servizi agli agricoltori attraverso un gioco di squadra che coinvolga tutti i dirigenti locali, i tecnici ed i funzionari dell’organizzazione agricola. Inoltre il sostegno alle Associazioni di persone come Donne in campo, Agia e Anp, la necessità di incrementare l’attività dei Gie (Gruppi di interesse economico di agricoltori) per la valorizzazione dei diversi comparti produttivi ed infine la prosecuzione dell’attività di confronto e rapporto con le istituzioni (dai Comuni alle Regioni, dal Governo alla Ue) per essere “attori e non spettatori”.

Nel corso dell’assemblea regionale è stata eletta anche la Direzione regionale Cia di cui fanno parte gli astigiani Alessandro Durando, Ivano Andreos, Anna Ghione, Danilo Amerio e Paolo Monticone, mentre per quanto riguarda i Delegati all’Assemblea nazionale del 21 e 22 Febbraio a Roma, i rappresentanti della Cia di Asti sono Alessandro Durando, Ivano Andreos, Anna Ghione, Danilo Amerio e Mario Porta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *