Verso la conclusione gli incontri di Gaia sulla corretta raccolta differenziata

gotta-flavioSi avvia alla conclusione il ciclo di incontri sulla corretta raccolta differenziata condotta da GAIA nei Comuni astigiani.

Dopo la serata di informazione a Canelli, è toccato a Nizza Monferrato, nel Foro Boario, in piazza Garibaldi, martedì 22 novembre. Tra il pubblico erano presenti anche gli operatori della Crescereinsieme che gestiscono i progetti di accoglienza dei rifugiati sul territorio, provenienti dall’Africa, dall’Est Europa e dall’America Latina.

All’incontro sono stati invitati i cittadini dei Comuni di Bruno, Calamandrana, Castelletto Molina, Castelnuovo Belbo, Cortiglione, Fontanile, Incisa Scapaccino, Maranzana, Mombaruzzo, Nizza Monferrato, Quaranti, Vaglio Serra. Insieme ai tecnici di GAIA era presente l’amministrazione comunale di Nizza Monferrato con l’assessore all’ambiente Valeria Verri.

Sono stati distribuiti opuscoli tradotti in sei lingue, si è spiegato bene il concetto di imballaggio e perché nella raccolta della plastica è così difficile riconoscerlo. Purtroppo rimane il problema dell’abbandono di rifiuti accanto alle campane del vetro, nelle campagne o per strada, fenomeno che fa aumentare i costi. Per i rifiuti ingombranti – è stato detto – il ritiro direttamente a casa è possibile telefonando al Comune.

I presenti hanno ringraziato gli organizzatori per le spiegazioni chiare e perché vedendo anche i video degli impianti di GAIA per il recupero dei materiali, si capiscono meglio i motivi che portano a differenziare i rifiuti ed è più facile fare la raccolta.
Dopo le molteplici occasioni di informazione date dai Comuni ai cittadini il passo successivo per raggiungere gli obiettivi è quello di fare le multe a chi fa ancora grossolani e perpetui errori o chi abbandona i rifiuti per strada.

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’ufficio Ambiente del Comune e per i dubbi è possibile utilizzare l’applicazione “Dove va?” presente sul sito del Comune e su quello di GAIA (www.gaia.at.it) dove mettendo il nome dell’oggetto si viene a conoscere in quale raccolta differenziata deve essere conferito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *