Multimedialità per i ritrovamenti archeologici lungo l’Asti-Cuneo

Durante la realizzazione dell’autostrada Asti-Cuneo (scavi 2009-2011: Lotto Cuneo, Castelletto Stura, Consovero) sono affiorati contesti archeologici di eccezionale rilevanza, di età romana e altomedievale, in corso di restauro grazie a una convenzione sottoscritta tra il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, l’Autostrada Asti-Cuneo e l’Anas.

In attesa che maturino le condizioni per il riallestimento complessivo delle collezioni archeologiche cuneesi, nasce dalla sinergia tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e il Museo Civico di Cuneo l’idea di rendere fruibili al pubblico, attraverso forme di comunicazione moderne e innovative, alcuni di questi straordinari reperti.

Venerdì 18 luglio, alle ore 17.30, presso la “Sala Livio Mano” del Museo Civico di Cuneo sarà infatti inaugurata la prima “prova”del futuro allestimento, resa possibile anche grazie al contributo della Regione Piemonte (Direzione Cultura, Turismo e Sport). L’evento prevede l’esposizione di tre corredi – due maschili (con ricche cinture ageminate e armi) e uno femminile – della necropoli longobarda messa in luce a Sant’Albano Stura, un unicum per estensione e quantità di deposizioni (finora sono state indagate 776 tombe) nel panorama storico archeologico italiano.

Oltre all’innovativa teca multimediale, dotata di grafica tattile e riproduzioni 3D di alcuni reperti per i non vedenti, il piccolo allestimento punta su una nuova forma di comunicazione attraverso un totem multimediale interattivo, che grazie ad una sofisticata tecnologia compone immagini fotografiche e realtà virtuale, proponendo al pubblico un’esplorazione “immersiva” nello scavo archeologico della necropoli di Sant’Albano Stura.
Le prossime tappe, cofinanziate dal bando della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo “Giacimenti culturali”, vedranno l’esposizione di reperti di epoche diverse scoperti nel territorio di Cuneo e Castelletto Stura, che si andranno ad aggiungere a quelli di Sant’Albano Stura.

Già dagli studi di Padre Antonio Ferrua, noto archeologo ed epigrafista del Novecento, la bassa valle della Stura rappresentava infatti uno snodo cruciale tra i territori (agri) di Pollenzo (la romana Pollentia, sulla sponda orografica sinistra) e di Bene Vagienna (la romana Augusta Bagiennorum, sulla sponda orografica destra). Le recenti indagini archeologiche, condotte in occasione della realizzazione dell’autostrada Asti-Cuneo, confermano l’importanza di questo areale e ci permettono di leggerne la continuità insediativa dalla preistoria all’altomedioevo. (Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *