Con Astigov “Pausa caffè” al mattino e “Caffè digitale” al pomeriggio”

Mercoledì 8 apriledalle ore 10:30 in diretta su Facebook, apre il “bar” virtuale di Astigov con il lancio dell’iniziativa “Pausa Caffè“, in onda sulla pagina Facebook di Astigov ogni mattina alle ore 10:30 circa. Momento di riflessione e approfondimento per discutere insieme ai sindaci dell’Astigiano sull’attualità con uno sguardo proiettato al prossimo futuro e la ripartenza economico-sociale.

Il primo “caffè” – dalla durata dai 10 ai 20 minuti – sarà preso con Silvio Maria Tealdi, sindaco del Comune di Ferrere.

Il nome dell’iniziativa non è casuale: “L’abbiamo chiamato Pausa Caffè – spiega Fabrizio Cestari – proprio perché in questi momenti l’attività dei sindaci è frenetica e quindi siamo felici di offrire a loro una pausa dove raccontare l’esperienza che stanno vivendo ed eventualmente lanciare delle richieste di aiuto. L’obiettivo è quello di valorizzare un pezzo della quotidianità di tutti noi che difficilmente potremmo conoscere in altre maniere“.

Marco Lovisolo, consigliere della Provincia di Asti,  ha quindi ringraziato tutta la Regione Piemonte per il lavoro e la vicinanza dimostrata alle realtà della nostra provincia ed invitato i rappresentanti a “sedersi” a prendere un caffè con Astigov proprio per valorizzare quel dialogo tra sindaci e Regione che a volte non trova espressione nelle comunicazioni formali.

Non è tutto: Astigov si spinge oltre con il lancio contestuale dell’iniziativa “Caffè digitale“, sempre in diretta sulla pagina Facebook di Astigov, ogni pomeriggio, verso le ore 17:00, per scambiarsi informazioni, appianare conflitti e promuovere una creatività che è già in atto, basti pensare alla didattica online offerta dai plessi scolastici.

È proprio a dirigenti scolastici, professori e alunni e genitori che questa rubrica digitale si rivolge in prima istanza: l’obiettivo è valorizzare il dialogo, la discussione su progetti e problematiche legate alla prosecuzione dell’ordinaria vita scolastica grazie ai mezzi tecnologici, particolarmente sotto stress per motivi tecnici (banda, copertura della rete, ecc.) ed organizzativi.

Un’anticipazione: il progetto sarà impreziosito dalla collaborazione della professoressa Stella Perrone che avrà il compito di “aprire” questa finestra partendo, appunto, dal mondo della scuola.

Cestari ha tuttavia precisato che il progetto non sarà dedicato esclusivamente all’istruzione. L’iniziativa è aperta a tutte le realtà che ne vorranno fare parte, ad esempio ai professionisti del settore dell’enogastronomiaturismo, del sociale e della cultura, ecc.

Il punto focale di tutti i progetti è chiaro: la ripartenza.

È quindi  necessario lavorare sin da ora, con idee e proposte, per farsi trovare pronti al momento giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *