Andrea Bosca, nei panni di Sanuto, nella fiction “I Medici”

bosca-andrea-2013Martedì 18 ottobre abbiamo assistito, su Rai Uno, al grande debutto de “I Medici”, una produzione internazionale di Frank Spotnitz che ripercorre l’ascesa della potente famiglia fiorentina nel Quattrocento e che vanta un cast internazionale a cominciare dal premio Oscar Dustin Hoffman (che interpreta Giovanni Di Bicci De’ Medici), per proseguire con Richard Madden (il Robb Stark di “Trono di Spade”) e Stuart Martin.

i-mediciIl successo è confermato da una media di oltre sette milioni e mezzo di spettatori con uno share che ha sfiorato il 30%.

Tra gli attori italiani, oltre ad Alessandro Preziosi ed Eugenio Franceschini, un noto volto astigiano: si tratta del canellese Andrea Bosca, 36 anni, che nella fiction Rai impersona i panni di “Sanuto”, uomo fedele al Doge di Venezia, chiamato a controllare i movimenti della potente famiglia De Medici esiliata da Firenze e ospitata nella Repubblica Marinara.

«E’ una fiction dalla trama accattivante, dove si alternano gli intrighi politici e i colpi di scena – spiega Andrea Bosca – Prendere parte a questa produzione è stata un’avventura entusiasmante. Abbiamo lavorato con professionisti di livello internazionale». La serie è stata infatti girata in ultra HD e in inglese. Le puntate sono poi state doppiate, in italiano. Agli attori italiani è stata quindi chiesta una piena padronanza della lingua inglese.»

«Le selezioni per i provini sono state durissime – continua Andrea Bosca – per me è un onore essere riuscito ad entrare.»

La serie televisiva è divisa in otto puntate e, già nel corso della seconda, sarà possibile seguire le gesta del personaggio di Andrea, ovvero Sanuto.

«Sanuto, poco più che trentenne, è un personaggio astuto, avvezzo agli intrighi di palazzo. – continua Andrea Bosca – a quell’epoca, a soli 30 anni, si poteva raggiungere il potere assoluto, per poi cadere molto velocemente». Dunque l’appuntamento è per martedì 25 ottobre su Ra Uno alle 21.15 con un’altra puntata de “I Medici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *