L’Enoteca regionale di Canelli e dell’Astesana inaugura un nuovo corso

«Vogliamo essere uno dei principali strumenti per la valorizzazione e la promozione del territorio e dei suoi vini. Per farlo abbiamo molti progetti. Il primo è quello di potenziare la comunicazione sui social e sul web e rendere protagonisti le cantine e i produttori che, insieme alle Istituzioni locali, sono le colonne dell’enoteca che agisce nel cuore del sito Unesco intitolato ai Paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato». Con queste parole Giovanni Scagliola, sindaco di San Marzano Oliveto e presidente dell’Enoteca regionale di Canelli e dell’Astesana, introduce quello che descrive come il nuovo corso dell’ente.

«Quando ho accettato questo incarico», spiega Scagliola, «l’ho fatto con lo stesso spirito di servizio per la collettività che da anni caratterizza il mio mandato da primo cittadino. In questo senso sono convinto che l’enoteca, al pari di altre realtà territoriali, sia una preziosa occasione di promozione per le più importanti risorse della nostra area: i paesaggi incontaminati e unici, i vini e gli spumanti celebrati e brindati in tutto il mondo, le tradizioni agricole e quelle imprenditoriali che, insieme, hanno saputo sviluppare e donare qualità della vita, con la cultura, la storia e l’arte che hanno portato conoscenza e sapienza».

Il primo passo di questo nuovo corso sarà dunque il potenziamento della comunicazione su social e web con la creazione di contenuti video, fotografici e in forma scritta, che descrivano e raccontino le attività dell’enoteca, quelle dei produttori che ne sono soci, i loro vini, i prodotti di eccellenza del territorio e la grande bellezza dei Comuni (Canelli, Calamandrana, Cassinasco, Moasca e San Marzano Oliveto) che partecipano e sostengono l’ente. «A breve partiremo con le interviste ai produttori vitivinicoli», conclude Scagliola, «nell’ambito di un’iniziativa che abbiamo intitolato La cantina della settimana». Il progetto coinvolgerà una sessantina di realtà rappresentate da oltre 200 etichette con i vini più famosi del Piemonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.