Il Trofeo delle Merende diventa un rally

Sabato 14 e domenica 15 dicembre si correrà a Santo Stefano Belbo il 10° Trofeo delle Merende, appuntamento rallistico organizzato dalla Cinzano Rally ed è intitolato a Roberto Botta.

Quello che per nove edizioni è stato un evento itinerante ed ha affiancato il suo nome ad una competizione, nel 2019 raggiunge la grande soddisfazione di diventare ufficialmente un appuntamento rallistico. Stiamo parlando del Trofeo delle Merende” che raggiunge il decimo anno di attività.

L’importante iniziativa da sempre felice connubio fra sport e solidarietà si è ricavata uno spazio tutto suo e andrà in scena nel week-end fra il 14 e 15 dicembre prossimi. Il risultato è frutto della Joint venture fra lo staff del Trofeo e la Cinzano Rally che dopo il grande successo ottenuto con il Rally di Alba, ha accettato di essere parte integrante di questo nuovo progetto sportivo, capace negli anni di veicolare un importante messaggio sociale legato all’associazione “Io vinco nella Ricerca” impegnata nella raccolta fondi per la cura della fibrosi cistica.

La location scelta per questo evento che ha validità come Rally Day sarà Santo Stefano Belbo già coinvolta per il Riordino del rally albese la quale ha accolto con grande entusiasmo il ritorno dei rally sul territorio.

La gara intitolata con un trofeo a Roberto Botta, pilota cuneese tre volte vincitore del Rally di Alba, scomparso recentemente, si svolgerà sabato 14 e domenica 15 dicembre con verifiche tecniche e sportive, shake down e ricognizioni nella prima giornata che vivrà anche la suggestiva passerella di presentazione di tutti gli equipaggi.

Il cronometro scatterà invece domenica 15 con la disputa di tre prove speciali da ripetere per un totale di oltre trentotto chilometri cronometrati. Saranno tre i Parchi Assistenza e due i Riordini tutti a Santo Stefano Belbo. Non mancherà ovviamente la tradizionale “Cene del Merende” che si svolgerà nella serata di venerdì alla vigilia della gara.

Anche questa edizione del “Merende” assegna il Trofeo dedicato a Francesco Pozzi e Omar Pedrazzoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *