La tariffa puntuale conviene a tutti

“Ripartire la tassa sui rifiuti tra i cittadini in base alla quantità ed alla qualità della produzione – interviene il canellese Romano Terzano, convinto ambientalista e sostenitore di una raccolta differenziata ‘intelligente’ – torna vantaggioso ai cittadini che si responsabilizzano verso la comunità e vedono la tassa ridursi, va a tutela dell’ambiente inteso come bene comune, dà consenso agli amministratori comunali che la adottano.

È un sistema ormai diffuso in molte regioni italiane. Il consorzio Priula, con 500.000 cittadini, l’ha adottato da diversi anni.

Treviso ha raggiunto l’85% e ogni cittadino produce solo 50 Kg/anno di rifiuto secco indifferenziato.

Questo modello è l’eccellenza italiana che, in attesa della regolamentazione nazionale, sta diffondendosi volontariamente dappertutto. La palma d’oro spetta a Parma che l’ha adottato dal 1° gennaio 2014 e l’assessore Gabriele Folli in merito ha dichiarato:

“I cittadini pagano in modo commisurato alla produzione dei rifiuti, meno ne producono, meno pagano. Nel giro di due anni la raccolta differenziata è passata dal 47,8 al 72,75 % nel 2015”. In Italia ci sono 525 Comuni Rifiuti free e di questi 255 hanno adottato volontariamente la tariffa puntuale.

Nel Rapporto Rifiuti Urbani del 2015, redatto dall’ ISPRA (Istituto superiore protezione ambientale), si legge:” L’aumento della raccolta differenziata nei Comuni che hanno introdotto la tariffa puntuale si traduce in una diminuzione del costo per i cittadini”. Dove c’è tracciabilità e trasparenza si risparmia. Intanto qualcosa si muove a livello nazionale.

Dal Ministero dell’Ambiente giungono buone notizie: “Il Ministero ha redatto lo schema di regolamento, (tariffa puntuale) ed ha avviato l’istruttoria, nell’ambito della quale sono stati ascoltati gli operatori pubblici e privati. Sullo schema è stato richiesto il parere dell’ Ispra, in seguito il testo passerà al Ministero dell’economia e quindi alla Conferenza Stato-città”. La strada è ormai tracciata e là dove tale sistema viene applicato ci guadagna l’ambiente, ci guadagnano i cittadini e gli amministratori che ricevono consenso dagli elettori. C’è ancora chi frena adducendo la scusa che i mezzi di sistemi di contabilizzazione costano.

La risposta viene dalla Regione Campania dove, con poche centinaia di migliaia di euro, hanno informatizzato l’intero processo riuscendo a dare tracciabilità in tempo reale dei movimenti dei mezzi che trasportano i rifiuti. Una mazzata anche alle ecomafie. Un sistema che, se diffuso in ogni regione d’Italia, permetterebbe trasparenza e risparmio per tutti.

A questo punto il potere decisionale passa ai cittadini. Il Decreto 33/2013 e la legge 97/2016, in vigore dal 31 dicembre 2016, danno al cittadino il potere di accesso civico agli atti che disciplinano la materia, che le pubbliche amministrazioni, per ragioni di trasparenza, devono rendere accessibili a tutti.

A Capannnori già il 21 gennaio 2015, in accordo con tutti i gruppi politici, della città, si è svolto un Consiglio Comunale straordinario sui rifiuti con all’o.d.g. la Tariffa puntuale. Con la tariffa normalizzata – pagamento in solido – il galleggiamento invece è assicurato. Canelli è un caso paradigmatico.

La raccolta differenziata, lanciata da quasi 15 anni, ha dato risultati inadeguati, nonostante la cresciuta sensibilità dei cittadini. Il 65 %, richiesto per il 31/12/2012, è stato raggiunto con 3 anni di ritardo; lo scorso anno la produzione di rifiuti è aumentata e la tassa è salita, + 1,70%, il decoro della città non è esemplare, la tracciabilità e la trasparenza mancano. Si può concludere che più si ritarda ad applicare la tariffa puntuale, più ci sarà danno ambientale, economico, sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *