“Canelli Pulita” grazie anche a profughi e immigrati

Si è svolta sabato 8 aprile “Canelli Pulita”,  l’iniziativa promossa dagli assessori Basso e Corino, supportata dai volontari che si sono adoperati nella pulizia di alcune aree lungo la riva sinistra del Belbo e di zone ‘sensibili’ del centro, con la raccolta anche di numerosi alberi caduti nelle piene passate, in collaborazione coi mezzi di coordinamento territoriale di Asti.

“Già alle 7.30 erano operativi 25 volontari della Protezione Civile guidati dal neopresidente Arnaldo Aceto che, insieme a 10 vigili del fuoco volontari, hanno lavorato lungo le sponde del Belbo; in piazza Cavour erano presenti 30 ragazzi della CrescereInsieme onlus e i rappresentanti delle associazioni Valle Belbo Pulita e di Unitré ai quali si sono uniti spontaneamente Bruna e Andrea, due canellesi volenterosi” ha commentato l’assessore alla Sicurezza e al Volontariato Raffaella Basso.

Particolarmente nutrita la partecipazione di una trentina di profughi ed immigrati. Tra gli altri è subito stata notata la presenza dei nuovi quattro arrivati a carico della piccola nuova comunità Caritas di piazza Gioberti, di cinque minori dell’oratorio Santa Chiara, di quattro vivaci bambini di una famiglia siriana direttamente arrivati da un campo profughi della Turchia.

I  grazie anche ai volontari del Comune, di Valle Belbo Pulita e di CrescereInsieme onlus hanno raccolto, in centro e nella zona industriale, una sessantina di quintali di rifiuti tra i quali, non solo cartacce e mozziconi di sigarette, ma anche ingombranti e lastre di vetro che sono stati tutti differenziati e conferiti dall’ASP presso l’Ecostazione canellese. Ed inoltre quattro camion di legname che andrà all’asta. E il ricavato sarà devoluto in beneficenza.

Infatti, i volontari della Protezione Civile e gli Amici Vigili del Fuoco hanno pulito gli argini del Belbo, nel tratto conosciuto come “gir dla pusa”, dai tronchi degli alberi caduti e trasportati dalla piena dello scorso novembre effettuando un’attività di prevenzione contro il rischio di alluvioni” afferma l’assessore all’Ambiente e Igiene Urbana, Angelica Corino.

“Quest’anno la pulizia della Città ha avuto un duplice aspetto: siamo riusciti ad occuparci sia del centro cittadino, sia delle sponde del Belbo, effettuando rispettivamente una raccolta di rifiuti abbandonati e la manutenzione di un tratto del torrente.

“I volontari vanno ringraziati sempre per ciò che fanno, ma se oltre al loro compito classico all’interno delle associazioni dedicano una giornata alla pulizia della città devono essere certamente portati ad esempio per tutta la cittadinanza” conclude il Sindaco Marco Gabusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *