“Un capogiro d’acqua” quindici appuntamenti per ricordare l’alluvione 1994

Castello di AnnoneLa rassegna “Un capogiro d’acqua” coinvolgerà, da sabato 11 ottobre fino al 23 novembre, sette centri rivieraschi del Tanaro e Canelli, devastata dall’alluvione del 1994.
In programma quindici appuntamenti, ideati e organizzati da Associazione culturale Comunica e Israt, ancora una volta insieme dopo le rassegne “I mesi del giallo” e “Verdeterra”, con il patrocinio dei Comuni di Asti (Assessorato all’Ambiente), Canelli, Castagnole Lanze, Castello di Annone, Cerro Tanaro, Costigliole, Isola d’Asti, Rocchetta Tanaro, la collaborazione dell’Ordine degli agronomi e forestali di Asti, La Stampa, Associazioni Memoria Viva, Valle Belbo Pulita, Nuovo Cinema Canelli e il sostegno della Banca d’Alba.

Sabato 11 ottobre sarà Castello d’Annone ad aprire la manifestazione: alle 18, nel Salone Comunale, si inaugurerà la mostra “I volti del 1994”, cinquanta fotografie con gli alluvionati protagonisti, ritratti dai fotografi de La Stampa: le stesse persone saranno invitate, insieme agli altri abitanti, a guardare le immagini e a intervenire il sabato successivo (18 ottobre) per raccontarsi e spiegare cos’è successo nella loro vita immediatamente dopo l’esondazione e negli anni a venire. Ma anche i sindaci saranno coinvolti per approfondire lo stato del territorio e il tema della sicurezza della popolazione in caso di piena.

La mostra raccoglie immagini non solo di Annone, ma anche di Cerro e Rocchetta Tanaro, che ospiteranno anch’essi l’esposizione e le serate di testimonianze (a Cerro il 31 ottobre, a Rocchetta il 15 novembre).
La maggior parte delle fotografie proviene dall’archivio fotografico de La Stampa di Asti, ma non mancano gli scatti degli stessi abitanti nelle tragiche ore dopo la rottura degli argini, con i paesi prigionieri di acqua e fango. Le immagini rappresentano un “capogiro” di sentimenti differenti, espressi dalle persone ritratte ma percepiti anche da chi le guarda: lo sconcerto per la violenza del fiume, con i primi piani delle case mangiati dall’acqua, la tensione dei salvataggi, la rabbia mentre si buttano gli oggetti di una vita, il pianto delle donne attraversate dalla paura, i sorrisi dei bambini adattatisi a vivere o ad andare a scuola nei container, la fatica degli anziani. Accanto ai momenti privati, quelli collettivi con la festa dei volontari o la visita dell’allora sottosegretario alla protezione civile Franco Barberi alle popolazioni colpite.
Il Comune di Annone, così come quello di Cerro e Rocchetta, accosterà alle fotografie suggestive testimonianze materiali che saranno svelate durante l’inaugurazione: un contributo in più per trasmettere emozione al visitatore e coinvolgere la popolazione. Ad Annone la mostra resterà aperta fino al 19 ottobre.

Ad Asti la rassegna farà tappa quattro volte: il 24 ottobre per parlare di cambiamenti climatici con Luca Mercalli, il 25 ottobre per la presentazione del libro di Laura Nosenzo “Il senso dell’acqua” (Araba Fenice), mentre per il 5 novembre è attesa “Voci della città sommersa: una polifonia d’acqua e di vita”, lettura scenica del Teatro degli Acerbi su testo di Marianna Natale e Davide Cavagnero. Infine il 14 novembre i giornalisti de La Stampa Paolo Colonnello, Enrico Martinet e Marco Neirotti racconteranno il loro lavoro di inviati sulle catastrofi naturali, dallo tsunami dell’Indonesia al terremoto in Abruzzo.

Canelli in ginocchio (in un video inedito curato da Gian Carlo Sarrone e tante fotografie) e Canelli rinata (incontro sulle azioni per far rivivere il Belbo e riqualificare il paesaggio) appariranno rispettivamente negli appuntamenti del 30 ottobre e del 7 novembre: ci sarà modo di coinvolgere anche gli esperti. 

“Come siamo rinati” è invece il titolo della serata di Castagnole Lanze: il 6 novembre tre testimonianze particolarmente significative, raccontate dai diretti protagonisti, su come, a poche settimane dalla piena, si sono rimessi in piedi la Saclà di Asti, la Ferrero di Alba e il Centro Studi Cesare Pavese di Santo Stefano Belbo.

A Costigliole, il 9 novembre, i consigli di lettura con l’acqua di mezzo di quattro scrittori che si confronteranno con il pubblico: Fabrizio Borgio e Gino Risso (“giocheranno” in casa), Maurizio Blini e Franco Testore. Infine la lezione animata per i bambini di Isola: il 23 novembre, sotto la guida della naturalista Alessandra Fassio, osserveranno e disegneranno il cielo per comprendere i cambiamenti del clima e riflettere sugli effetti belli e brutti della pioggia intorno a noi. Ingresso libero.
Il programma completo: www.comunica-asti.it; www.israt.it

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *