Presentazione del libro “Una vita in gioco: l’amore, il calcio, la SLA”

Mercoledì 6 dicembre, alle ore 21, nella Sala delle Colonne della Biblioteca Astense “Giorgio Faletti”, si terrà la presentazione del libro di Chantal Borgonovo e Mapi Danna “Una vita in gioco: l’amore, il calcio, la SLA” edito da Mondadori.

Il volume, presentato di recente anche a Roma al Senato della Repubblica, racconta la storia di Stefano Borgonovo, calciatore del Milan, della Fiorentina e di molte altre squadre di serie A, e della moglie Chantal.

Attaccante per tutta la vita, soprattutto dopo l’arrivo della SLA, è mancato nel 2013. Tutti lo ricordano per la straordinaria partita a Firenze, nel 2008, in cui entrò allo stadio davanti a 27.000 persone commosse, inchiodato a una sedia a rotelle.

Per cinque anni ha mosso solo gli occhi, eppure, con il solo uso degli occhi è riuscito a fare la rivoluzione e a vivere con una nuova identità e un nuovo scopo.

Questa è una storia straordinaria, piena di passione, la rabbia, l’odio, la rassegnazione, ma ci sono anche la rivincita e la resurrezione. Ci sono la fede, quella terrena e quella celeste, la dedizione, la fedeltà e la gelosia. C’è il tema bioetico del “fine vita”, l’abuso “comodo” di certi farmaci, ci sono il coraggio e la speranza. Non c’è la soluzione ma c’è la ricerca, che attribuisce senso al dolore.

C’è la condizione ingiusta e spietata dei malati di SLA che diventano schiavi, prigionieri: eppure Stefano ce l’ha fatta, è riuscito a liberarsi, a essere incredibilmente acceso, empatico, volitivo, ironico e innamorato, senza malinconia. Stefano ci è riuscito perché Chantal gliel’ha permesso.

Gli ha permesso di continuare a essere persona, intera, a essere marito e padre dei loro quattro figli. Lo ha guardato come si guarda un uomo, sempre, non come si guarda un malato, mai.

Questo è un libro che tratta soprattutto di rispetto e desiderio per la vita, trattenuta, difesa e accolta, qualsiasi vita sia.
A dialogare con le autrici durante l’incontro sarà Roberta Bellesini Faletti, presidente della biblioteca. Ingresso libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *