Progetto scuola su “Disabilità, diversità e creatività” con Arcobaleno

ARCOBALENOPer sensibilizzare sulle tematiche della diversità, della disabilità e inclusione sociale, l’associazione Arcobaleno, in collaborazione con le associazioni del territorio che si occupano di ogni forma di disabilità motoria, psichica e sensoriale, con gli insegnanti che hanno individuato le classi idonee ad affrontare tale tematica, con il Nordic Walking Incisa ed Apri onlus sessione di Asti, ha organizzato il progetto “Disabilità, diversità, creatività” .

Il tema che verrà svolto nelle classi del territorio sarà accompagnato dalla visione di video idonei al linguaggio dei bambini.
La presentazione avverrà con “Mi chiamo… e tu?”, e si propone di coinvolgere direttamente i bambini evidenziando come sia possibile superare il limite fisico o sensoriale, tipo “Io non cammino, ma le ruote mi permettono, comunque, di muovermi, camminare, correre”.

Alcuni interventi verranno effettuati da una persona non vedente, accompagnata dal cane-guida, che mostrerà il linguaggio Braille.
Concorso. Verrà comunque presentato il concorso per disegno, saggi e poesie “Io esisto – Adottiamo una barriera e… abbattiamola”. La premiazione ai migliori componimenti e alle migliori classi, avverrà durante la ‘skarrozzata’ “Camminare senza barriere”, di 4 km. con la consegna di materiale didattico e libri, inizierà alle ore 15, con partenza dalla piazza del comune di Nizza Monferrato, sabato 25 aprile.

“Camminare senza barriere” si svolgerà anche nelle vie della città di Asti, venerdì 22 maggio, alle ore 10, da piazza del Comune; la passeggiata “Skarrozzata”, si svolgerà anche a Canelli, mercoledì 3 giugno, alle ore 10, da piazza della Repubblica, dopo l’inaugurazione di “Crearleggendo”.
L’Arcobaleno. Chi vuol sapere di più sull’associazione dei “Disabili motori per una vita indipendente ed autodeterminata” può telefonare a 345.3518802 – 328.9205072 – 346.0338080 oppure inviare E-mail a: carlosatragni@gmail.com – mariateresamontanaro@virgilio.it
In proposito, abbiamo contattato Maria Teresa Montanaro, molto ben conosciuta in città per la sua collaborazione con la Croce Rossa, i ripetuti interventi nelle scuole, ed i suoi scritti (poesie molto belle!).

Le condizioni di vita?
«Per noi persone con disabilità gravi, non sono facili.
Sovente non abbiamo sufficienti informazioni sugli interventi in tema di servizi sanitari e socio-sanitari. Spesso gli uffici e le strutture cui ci rivolgiamo non sono attrezzati e sembrano complicarci la vita, più che risolvere i nostri problemi. Spesso le nostre personali condizioni sanitarie, assistenziali, lavorative comportano difficoltà per le famiglie cui è demandato il maggior onere assistenziale. Spesso i nostri problemi di mobilità sono penalizzati soprattutto nei centri più piccoli della provincia».

Quali scopi e valori?
«Riteniamo di fondamentale importanza che le persone disabili siano poste in grado di esercitare la loro libertà di scegliere modi, tempi e risorse necessarie alla loro sopravvivenza fisica e alla loro capacità di partecipazione alla vita della comunità.
E’ per noi una grande ricchezza riuscire a fornire il nostro aiuto affinché vengano meglio applicate le norme. E’ una nostra forte convinzione che “Nulla deve essere fatto su di noi, senza di noi».

L’associazione è fatta dai disabili e basta?
«La nostra associazione è costituita soprattutto da persone disabili, ma è ben contenta di annoverare chiunque condivida i nostri scopi ed i metodi.

Volontari. L’associazione è alla ricerca di volontari che ci aiutino a svolgere il nostro operato, che ci accompagnino alle riunioni importanti con gli Enti gestori, che ci accompagnino a trovare persone più sfortunate di noi che non possono muoversi da casa, e, perché no, ci accompagnino a mangiare una pizza in compagnia o a vedere un film».

Per donazioni?

Cassa di Risparmio di Asti, codice Iban IT86 R060 8510 3220 0000 0023 632.
5×1000, Codice fiscale 91011750055.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *