Mario Renosio nel consiglio di amministrazione dell’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione

Mario Renosio, direttore scientifico dell’Israt, è stato eletto nel consiglio di amministrazione dell’INSMLI, l’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia.
L’autorevole incarico, che avrà durata triennale, tiene conto dell’intensa e dinamica attività dell’Israt, diretto da Renosio a partire dal 1998. In passato Laurana Lajolo era stata chiamata a presiedere l’INSMLI, che raggruppa 64 istituti storici e al cui vertice nei giorni scorsi è stato riconfermato Valerio Onida, già presidente della Corte Costituzionale.

Renosio è stato candidato dal coordinamento piemontese degli istituti della Resistenza e della società contemporanea (7 realtà) e poi sostenuto da centri studi di altre regioni (i voti accordati alla sua nomina sono stati complessivamente 19).

Laureato in Filosofia e in Materie letterarie, il direttore dell’Israt ha pubblicato saggi e articoli e curato percorsi didattici di storia locale sulla società contadina, sulla storia del movimento partigiano, della deportazione, dei partiti politici e dei movimenti sindacali nell’Astigiano, sul terrorismo e sulla lotta armata in Italia. Per l’Israt è autore o coautore di numerosi volumi, l’ultimo dei quali (“Un’altra storia. La Rsi nell’Astigiano tra guerra civile e mancata epurazione”, scritto con Nicoletta Fasano) è in via di pubblicazione.

Sempre per l’Istituto storico Renosio è stato co-curatore dell’allestimento di vari progetti museali: dalla Casa della Memoria di Vinchio al Museo del Risorgimento di Asti, mentre entro fine anno sarà pronto lo spazio multimediale dedicato all’aeroporto partigiano di Vesime.
Attualmente, infine, il neo consigliere dell’INSMLI è assessore alla Cultura, Ambiente e Servizi Sociali del Comune di Montaldo Scarampi, paese in cui è stato assessore dal 1985 al ’95 e capogruppo di minoranza dal 2009 al 2014.

, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *