Nuove imprese nell’Astigiano grazie allo sportello provinciale

CANIGGIA MASSIMO.pgLo Sportello Creazione d’Impresa della Provincia di Asti ha validato nell’ultimo anno 24 nuovi progetti d’impresa. “Nonostante il periodo di profonda crisi economica che tutto il Paese sta vivendo – dichiarano i promotori – nel nostro territorio, la voglia di mettersi in proprio è ancora presente. E’ questa la strada che un crescente numero di persone decide di percorrere, in alternativa alla ricerca di un posto fisso. Creare una nuova impresa è una risposta all’espulsione dal mercato del lavoro, ma i dati dimostrano che ci sono anche ex dipendenti a tempo indeterminato che optano per questa scelta”.
 
Solo nell’ultimo anno, 348 persone si sono rivolte allo sportello (mediamente, quasi una persona nuova al giorno) per un aiuto nello sviluppo della propria idea imprenditoriale. Spiegano gli operatori: “Abbiamo seguito 121 progetti, per un totale di 129 incontri individuali di accompagnamento. 19 le nuove imprese, per un totale di 23 posti di lavoro creati. Le nuove iniziative si collocano nell’ambito dell’artigianato, del commercio e dei servizi”.

“Dal 2009 a oggi – spiega il dirigente dell’Area sviluppo socio economico Massimo Caniggia – i numeri diventano ancor più significativi: 2.000 potenziali nuovi imprenditori si sono presentati allo Sportello e 672 sono stati i progetti seguiti. 779 incontri di accompagnamento e 628 ore di aggiornamento hanno portato all’elaborazione di 164 business plan e alla nascita di 144 nuove imprese, per un totale di 186 posti di lavoro creati. Per queste nuove aziende, sono state presentate 132 richieste di agevolazioni regionali e sono state erogate 1.760 ore di consulenza nella fase di start up. Si tratta di piccole realtà che, attraverso la passione e il lavoro, vogliono emergere ed essere il motore di una nuova partenza dell’economia locale”.

La Provincia di Asti, attraverso lo sportello, che è finanziato dal POR Piemonte FSE (fondi europei), ha colto questa ricchezza e questa volontà e da oltre dieci anni sostiene le nuove realtà imprenditoriali, attraverso un servizio a 360 gradi. “E’ importante sottolineare – aggiunge Caniggia – che il servizio non si ferma ai buoni consigli, con informazione e formazione, ma supporta anche i neo imprenditori nell’elaborazione di un vero e proprio business plan, nella ricerca di finanziamenti regionali e nazionali, nella stesura delle domande di finanziamento. Un vero e proprio staff di esperti favorisce lo start up dell’impresa e la supporta per ben tre anni”.

Il servizio provinciale di supporto alla creazione d’impresa è gestito dalla società IZI metodi, analisi e valutazioni economiche spa, con il patrocinio di Confartigianato, CNA, Confcooperative Asti e con la fattiva e concreta collaborazione di altri enti e attori locali a vario titolo coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *