25 aprile: Nicoletta Fasano e Mario Renosio presentano un loro volume a Incisa

Il Teatro comunale di Incisa Scapaccino ospiterà, martedì 25 aprile, alle 18, la presentazione del volume di Nicoletta Fasano e Mario Renosio “Un’altra storia. La Rsi nell’Astigiano tra guerra civile e mancata epurazione”.

Il volume è stato prodotto dall’Israt, di cui Renosio e Fasano sono rispettivamente direttore e ricercatrice, nel 70° anniversario della Liberazione.

I due storici hanno realizzato, con taglio innovativo, una significativa ricerca volta a comprendere le strategie di occupazione e repressione messe in atto anche sul territorio astigiano. Un obiettivo reso possibile attraverso un meticoloso esame di documenti tedeschi e fascisti inediti, provenienti da vari archivi italiani e della Germania.

Spiegano gli autori: “Questa non è una storia della Resistenza, anche se nel volume si ripercorrono molti dei passaggi fondamentali della lotta di Liberazione nell’Astigiano. E’ un’altra storia: quella degli ultimi due anni e mezzo di guerra, ricostruita dal punto di vista del fascismo repubblicano, sulla base della documentazione prodotta dai protagonisti e dalle istituzioni di Salò, e dal loro alleato tedesco. Un’ottica inedita e inusuale, che offre una diversa lettura della lotta partigiana in cui prevale l’aspetto militare e di lotta per il controllo del territorio, e ne viene sottolineata la capacità di aggregazione e di progettualità delle diverse anime e culture politiche della società”.

“E’ la storia – scrivono Fasano e Renosio – del tentativo di rivitalizzare le istanze di rinnovamento sociale del primo fascismo e del suo fallimento, del complesso e contraddittorio rapporto con la Germania nazista. E’ la storia di un difficile dopoguerra, segnato anche da residue violenze e da un processo di epurazione avviato ma presto accantonato”.

Organizzano, con ingresso libero, Comune e Unitré di Nizza con la collaborazione dell’Israt.

Il 5 maggio il libro sarà presentato alla Biblioteca comunale “Quaglino” di Refrancore (ore 21, ingresso libero).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *