Uniti Nel Dono

Campagna C.E.I. Uniti Nel Dono (29/12/2023)

Don Paolino Siri, parroco di Nizza Monferrato (Diocesi di Acqui), nel corso di un’intervista, che ha rilasciato nei giorni scorsi, ha annotato: “Già da anni il tempo di avvento coinvolge la comunità delle parrocchie di Nizza Monferrato, Vaglio e Calamandrana nella preparazione degli incontri di formazione in preparazione al Natale.

In questo anno 2023 l’iniziativa è stata del delegato zonale con i diaconi di tutta la comunità per la riflessione e la preghiera sugli atti degli apostoli, secondo quanto mi era stato suggerito dal vescovo diocesano.

Loro stessi hanno coinvolto i vari gruppi presenti in tutta la comunità: comunità Shalom, Azione Cattolica, gruppo di preghiera San Padre Pio.

Il loro contatto, la loro partecipazione, ha espresso bene la vita di tutta quanta la comunità cittadina.

Questa modalità era stata già espressa lo scorso anno proprio come partecipazione attiva di tutte le componenti della comunità cristiana.

I fedeli hanno partecipato ai tre incontri nella preghiera, nell’ascolto e nella presenza.

Visibile la gioia dei presenti nel cogliere l’adesione partecipata dei vari gruppi alla vita parrocchiale.”

L’Economato della Diocesi di Acqui ha reso note le iniziative finanziate nel 2022, con i fondi diocesani dell’8xmille.

Iniziative finanziate con i fondi diocesani dell’8 per mille DAL 1 giugno 2022 AL 31 maggio 2023)

Lo Stato Italiano eroga ogni anno a diversi soggetti, tra i quali la Chiesa Cattolica, in base alle scelte espresse dai contribuenti, una quota pari all’otto per mille del gettito IRPEF. Grazie a questa contribuzione, che perviene alle Diocesi attraverso la Conferenza Episcopale Italiana, la nostra Diocesi di Acqui ha potuto sostenere molte delle sue iniziative nell’ambito del culto, della pastorale e dell’attività caritativa.

Nello specifico, per quanto riguarda l’attività di Culto e Pastorale, nel periodo che va dal 1 giugno 2022 al 31 maggio 2023, grazie ai fondi 8 per mille, un contributo di € 192.000,00 è andato al Fondo Diocesano “Massa Communis” che ha lo scopo di sostenere, con erogazioni a fondo perduto, le Parrocchie, specie quelle formate da un esiguo numero di abitanti, che hanno difficoltà ad affrontare le spese di manutenzione e messa in sicurezza degli edifici destinati al culto o all’attività pastorale.

Un contributo di € 110.000,00 è andato per opere di manutenzione e restauro di due importanti complessi monumentali: € 100.000,00 per il Palazzo Vescovile e € 10.000,00 per il complesso del Seminario. Le attività degli Uffici centrali della Diocesi, a supporto della pastorale parrocchiale, e comprendenti anche le spese per il personale, hanno ricevuto un contributo di € 134.699,06. Par la Pastorale vocazionale € 1.500,00 ed € 1.000,00 per la promozione del sostentamento. La stampa e la distribuzione della Lettera Pastorale che annualmente il Vescovo indirizza a tutti i fedeli ha ricevuto un contributo di € 2.000,00. La formazione pastorale e teologica delle varie componenti della comunità cristiana è stata finanziata con € 38.500,00 così ripartiti: € 23.000,00 per contribuire agli studi del nostro seminarista presso il Seminario di Novara e per gli studi di specializzazione che alcuni sacerdoti della Diocesi stanno svolgendo presso Facoltà Teologiche romane; € 9.000,00 il Corso in Morale Sociale di Torino e la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale; € 1.500,00 per la Formazione Teologica e Pastorale dei Diaconi permanenti; € 5.000,00 per la formazione dei sacerdoti attraverso incontri che si sono svolti ad Acqui e l’attività estiva presso la casa delle suore della P.O.R.A. di Perletto (incontri di formazione ed esercizi spirituali). All’attività di animazione missionaria della comunità diocesana sono andati € 2.000,00. La promozione della dimensione culturale è stata finanziata con € 55.000,00: € 25.000,00 per l’attività dell’Archivio Storico Diocesano ed € 30.000,00 per la Biblioteca Diocesana del Seminario mons. Capra. L’attività di culto e pastorale è stata quindi finanziata complessivamente con € 536.699,06.

Un secondo grande ambito di finanziamento ha riguardato le Opere di Carità: da parte della Diocesi attraverso il Vescovo € 50.000,00; a singole persone bisognose da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 40.000,00.

In favore di famiglie particolarmente disagiate: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 82.698,68, attraverso Caritas Cairo Montenotte € 13.000, attraverso Caritas Ovada € 12.000,00, attraverso Caritas Valle Stura € 3.000,00 attraverso Caritas Nizza € 9.000,00.

In favore di categorie economicamente fragili (precari, disoccupati, giovani in cerca di lavoro): da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 30.000,00, attraverso Caritas Valle Stura € 3.000,00, attraverso Caritas Nizza € 3.000,00.

In favore di anziani: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 40.000,00, attraverso Caritas Valle Stura € 1.500,00;

In favore di persone senza fissa dimora: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 5.000,00, attraverso Caritas Valle Stura € 1.500,00, attraverso Caritas Nizza € 1.000,00; In favore di portatori di handicap: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 5.000,00;

Per la prevenzione della devianza adolescenziale e della prostituzione: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 4.000,00.

In favore di immigrati, rifugiati e richiedenti asilo: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 80.000,00, attraverso Caritas Cairo Montenotte € 7.000,00, attraverso Caritas Ovada € 8.000,00, attraverso Caritas Valle Stura € 3.000,00, attraverso Caritas Nizza 2.000,00.

In favore di vittime di dipendenze patologiche: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 1.000,00.

In favore del clero anziano, malato: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 8.000,00.

In favore di opere missionarie caritative: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 25.000,00, attraverso Caritas Nizza € 5.000,00.

Opere caritative di altri Enti Ecclesiastici: € 20.000,00 al Centro di Ascolto Onlus di Acqui Terme; all’Associazione Canelli Solidale € 18.000,00; alla Fondazione di Religione Casa del Clero di Acqui Terme € 30.000,00.

L’attività caritativa è stata quindi finanziata complessivamente con € 510.698,68

Sempre nell’anno 2022-23, con uno specifico contributo di € 11.390,60, finalizzato all’installazione di impianti di sicurezza per edifici di culto e le loro dotazioni storico-artistiche, sono stati finanziati interamente impianti di sicurezza per la parrocchia di Nostra Signora della Neve in Acqui Terme frazione Lussito, per la Chiesa di San Domenico in Cassine frazione Caranzano e per la Chiesa Santuario della Rocchetta a Lerma.

L’Archivio Storico Vescovile sac. Pompeo Ravera – sac. Angelo Siri e la Biblioteca del Seminario Vescovile mons. Capra, con uno specifico contributo concesso dalla CEI ai Poli Culturali Diocesani, hanno ricevuto i seguenti finanziamenti: Archivio Storico € 13.000,00: acquisto proiettore e telo; acquisto fotocopiatore; catalogazione materiale fotografico; riversamento documenti su sito CEI-Archivi; spese funzionamento. Biblioteca Diocesana del Seminario mons. Capra € 10.698,00: catalogazione e spolvero fondo antico; spese di funzionamento.

La CEI eroga annualmente contributi 8xmille riguardanti interventi su edifici di culto già esistenti e che coprono il 70% della spesa, sono stati approvati, e si sta completando la pratica, lavori di restauro e consolidamento delle coperture della Chiesa Parrocchiale di San Bartolomeo di Morsasco e la messa in sicurezza del sedime della zona absidale della Chiesa Parrocchiale di San Silvestro in Mornese.

Per venire incontro alle difficoltà causate dal “caro bollette” la CEI ha concesso alla Diocesi nel 2022 un contributo straordinario di € 33.980,27 che è stato utilizzato per sostenere il pagamento delle utenze delle Parrocchie con meno abitanti.

Per ricevere la newsletter mensile di Uniti nel Dono, iscriversi sul sito:

www.unitineldono.it

MODALITA’ PER EFFETTUARE UNA DONAZIONE

1 – Conto corrente postale
Si può utilizzare il c/c postale n. 57803009 per effettuare il versamento alla posta.

2 – Carta di credito
Grazie alla collaborazione con Nexi, i titolari di carte di credito Mastercard e Visa possono inviare l’Offerta, in modo semplice e sicuro, chiamando il
numero verde 800 825000 oppure collegandosi al sito Internet http://www.unitineldono.it/dona-ora/

3. Paypal. Si può donare tramite paypal in modo veloce e sicuro selezionando questa opzione sul sito al momento della donazione.
http://www.unitineldono.it/dona-ora/

4- Versamento in banca. Si può donare con un bonifico sull’iban
IT 33 A 03069 03206100000011384
a favore dell’Istituto Centrale Sostentamento Clerospecificando nella causale “Erogazioni Liberali” ai fini della deducibilità.

L’elenco delle altre banche disponibili a ricevere un ordine di bonifico è consultabile su http://www.unitineldono.it/sostienici/.

5 – Istituti Diocesani Sostentamento Clero
Si può anche effettuare il versamento direttamente presso gli Istituti Diocesani Sostentamento Clero (elenco Istituti Diocesani SostentamentoClero www.unitineldono.it/lista-idsc (http://www.unitineldono.it/lista-idsc)

L’offerta è deducibile. Il contributo è libero. Per chi vuole queste Offerte sono deducibili dal proprio reddito complessivo, ai fini del calcolo dell’Irpef e delle relative addizionali,fino ad un massimo di 1032,91 euro annui. L’Offerta versata entro il 31dicembre di ciascun anno può essere quindi indicata tra gli oneri deducibili nella dichiarazione dei redditi da presentare l’anno seguente. Conservare laricevuta del versamento.