Letture

"La vita di nuovo" di Mara Barazzutti

Quanto dura il lutto per la perdita di un grande amore e come si fa a metterlo da parte? In questa storia una giovane donna attinge a tutto il suo coraggio per rimettersi in gioco e ricominciare a esistere.

Luisa si sta riaffacciando al mondo con lentezza: suo marito Andrea ha perso la vita in un incidente stradale e lei ormai dedica tutta se stessa al loro bambino. Ma un giorno d’estate il destino le dona una possibilità per tornare a gioire di ogni cosa. Quello stesso fato in grado di farla sprofondare nel dolore più intenso fa incrociare il suo cammino con quello di Federico, che sembra essere lì ad aspettarla da sempre. Si riaccende la fiamma della vita e le emozioni di Luisa escono dal lungo inverno in cui si erano immerse.

Una serie di romantici eventi, molti dubbi, paure radicate nel profondo e un costante bilanciamento tra la razionalità e la spinta verso la meraviglia dei sentimenti condurranno la protagonista verso la scelta giusta.

L’Autrice racconta il dramma della perdita con delicatezza e attenzione, arricchendo la trama di momenti appassionati e carichi di tenerezza, con uno stile asciutto e piacevole, in grado di intenerire ma anche di interessare e intrattenere un vasto pubblico di lettori.

……………………………………………………………………….

Mara Barazzutti è nata a Cuneo il 2 luglio 1974.

Si è diplomata come perito aziendale e corrispondente in lingue estere.

Vive in una frazione di Cuneo con il marito e il figlio di undici anni.

Da più di vent’anni scrive per se stessa, ma non ha mai pubblicato nulla finché non è germogliata questa storia dentro di lei e, una dopo l’altra, le parole suggerite dai suoi personaggi sono andate a dar vita a queste pagine.

144 pagine – ISBN 9788866083511- € 14,00

————-

 “EXTINCTION  ULTIMA LUCE” di Gianluca D’Aquino

Esce questa settimana in libreria il nuovo romanzo dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino: “EXTINCTION – Ultima luce” (Epika edizioni).  La storia, più che mai di attualità, si sviluppa nel genere distopico ed è incentrata sulla diffusione di un virus, l’R16V99, che mette a rischio il perpetuarsi dell’umanità. In un periodo in cui non si parla d’altro, e non potrebbe essere diversamente a causa della drammatica pandemia legata alla diffusione del COVID-19, il romanzo di D’Aquino, scritto in tempi non sospetti, ha un che di profetico. A tal proposito, nelle scorse settimane, l’autore era stato intervistato da radio e giornali: – È incredibile – dichiarò – come la finzione letteraria possa essere quasi superata da una realtà inverosimile, quasi inimmaginabile, come questa che stiamo vivendo in questi giorni drammatici. Avverto come un senso di colpa nel lavorare alla revisione finale del mio romanzo, che parla proprio di una malattia la cui genesi è per certi versi affine a quella che stiamo affrontando. Quando iniziai a scriverlo, non avrei mai creduto avverabile ciò che la fantasia mi portava a ideare. Lo scenario del mio R16V99 è così terribilmente profetico da crearmi un problema di coscienza. – Ancora oggi l’autore appare sconcertato: – L’ultima revisione è stata surreale. Ho addirittura pensato all’opportunità di uscire in questo momento con un tale romanzo. Ma ci sono impegni presi e forse, nonostante tutto, la fiction può servire a esorcizzare le paure del reale.

Il romanzo ha un risvolto molto più inquietante rispetto alla realtà e introduce scenari catastrofici, in cui i protagonisti dovranno mettersi alla prova per cercare una soluzione alla propagazione della pandemia. E non solo.

Nella finzione letteraria e cinematografica, spesso le storie si concludono con il contenimento del virus e il ritorno alla normalità. Non sappiamo se in “EXTINCTION – Ultima luce” ci sia un tale lieto fine, ma l’augurio, come ha manifestato lo stesso autore, è che possa esserci nella realtà e che presto il COVID-19, così come l’R16V99 di D’Aquino, possa tornare a essere solo materia letteraria. Per il bene di tutti.