Esce il numero 15 della rivista “Astigiani”

copertina_15Arriva la primavera, sboccia la rivista “Astigiani”. Il numero 15 del trimestrale di storia e storie sarò presentato mercoledì 23 marzo, dalle ore 18, al Teatro Alfieri (ingresso libero).

La presentazione, condotta dal direttore Sergio Miravalle, sarà anche il momento per la consegna ai vertici dell’Asl di Asti del ricavato della sottoscrizione indetta con le Donne del Vino del Piemonte e l’Associazione Albergatori&Ristoratori astigiani in memoria di Maria Luisa Fassi. Con la cifra raccolta (oltre 15 mila euro) è stato possibile contribuire all’acquisto di un nuovo eco cardiografo, in dotazione al reparto di cardiologia dell’ospedale Cardinal Massaia.

La rivista Astigiani, numero 15, è salita a 128 pagine (7 euro nelle edicole e principali librerie). Ricca come sempre di ricerche inedite e rubriche. Ci sono servizi dal Medioevo alla Prima Guerra Mondiale, dalle memorie della comunità ebraica alla tradizione delle sacre rappresentazioni della Passione.

Un pezzo farà riscoprire gli arguti insulti in piemontese, un altro aiuterà il lettore a bordo delle biciclette e delle moto “made in Asti”, un mondo a due ruote dai nomi evocanti come Gerbi, Prina, Gianoglio, Giuntelli, Piemontesina, Arata, Garelli, La Marinara, Sarachet.

E ancora. Come mai la preziosa biblioteca di Vittorio Alfieri è finita a Montpelleier e che cosa si nasconde dietro la storia di sprechi e promesse mancate attorno a Villa Badoglio?

Per la rubrica “Tempo Futuro” ci sarà la giovane cantante astigiana Chiara Dello Iacovo, che dopo il successo di Sanremo torna nella sua Asti, la città a cui ha dedicato una intensa canzone. Per l’occasione il sindaco di Asti, Fabrizio Brignolo, le consegnerà il Sigillo della Città.

La presentazione si concluderà con l’arrivo in scena di un grandissimo uovo di Pasqua in cioccolato con sorpresa. L’uovo della ditta Davide Barbero, sarà aperto e distribuito a tutti gli amici di Astigiani, con un brindisi di Buona Pasqua offerto dal Consorzio di tutela dell’Asti docg.

Ecco i titoli dei principali servizi:

  • Cento anni fa l’Astigiano viveva la sua guerra di retrovia
  • Una finestra sul ghetto, vita e ricordi degli ebrei ad Asti
  • Quando il cuore della finanza europea era anche ad Asti
  • La biblioteca dell’Alfieri a Montpellier senza passare per Asti
  • Darsi dei nomi. L’arte dell’insulto
  • Le radici del teatro popolare sacro: quando la passione diventa spettacolo
  • Biciclette, moto e motorini made in Asti. Un mondo di passioni su due ruote
  • Album di famiglia. È primavera. Gli astigiani su due ruote
  • Confesso che ho vissuto. Maria De Benedetti “Si può essere ebrei di sabato e cattolici la domenica”

Sul numero 15 di Astigiani hanno scritto:

Elsa Aliberti, Sonia Bigando, Mimma Bogetti, Manuela Caracciolo, Franco Cavagnino, Davide Chicarella, Cristina Cirio, Lucilla Conte, Vittorio Croce, Pier Ottavio Daniele, Nicoletta Fasano, Valentina Fassio, Marida Faussone, Carla Forno, Aldo Gamba, Paola Gho e Giovanni Ruffa, Piercarlo Grimaldi, Gianfranco Monaca, Paolo Monticone, Giulio Morra, Fiammetta Mussio, Luciano Nattino, Roberto Nivolo, Rita Novarese, Enrico Panirossi, Ezio Claudio Pia, Paolo Raviola, Alessandro Sacco, Pippo Sacco, Giuseppe Scarzella, Laura Secci, Ermanno Tedeschi e Dino Tessitore.

, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *